Quantcast
Cronaca

Allerta meteo: notte di paura a Genova e nel Tigullio, ma la situazione migliora previsioni

Genova. Notte di paura in provincia di Genova, ma nelle scorse ore non si sono fortunatamente verificate situazioni di emergenza. L’allerta, comunque, rimane alta, soprattutto nel Levante. E’ qui, oltre che nello spezzino, infatti, che la perturbazione che si sta abbattendo sulla nostra regione, ha colpito con maggiore intensità.

Da alcune ore sulla zona non piove, ma i corsi d’acqua rimangono sorvegliati speciali. Si tratta dei Torrenti San Lazzaro e Petronio, attualmente in piena, nella zona tra Riva Trigoso e Sestri Levante e dell’Entella, anch’esso ingrossato.

Secondo le ultime previsioni la situazione è in lento miglioramento, ma la giornata di oggi sarà ancora caratterizzata dalla pioggia. Molto probabile, inoltre, l’aumento del vento e, di conseguenza, forti mareggiate. Nella giornata di domani, però, è attesa sulla Liguria un’altra perturbazione che dovrebbe causare un sensibile calo delle temperature.

Le scuole sono attualmente chiuse a Levanto, Lavagna, Santa Margherita ligure, Sestri Levante, Casarza Ligure, Chiavari e Rapallo.

A Genova la notte è trascorsa tranquilla. Si segnala, invece, uno smottamento presso San Giorgio di Bavari: alcune pietre sono cadute sulla carreggiata, ma la situazione sembra sotto controllo. Chiuse le scuole della zona di via Fereggiano: complesso scolastico Maria Ausiliatrice (corso Sardegna), scuola elementare Papa Giovanni XXIII, scuola dell’Infanzia Galileo Ferraris, scuola media Cantore-Lomellini (situate in piazza Galileo Ferraris 4), scuola media Govi (via Pinetti) e asilo Nido privato I Marmocchi (via Fereggiano).

Rimangono comunque in vigore le misure di protezione civile: stato di allerta idrologico 2 per Tigullio e Spezia fino alle ore 20 di oggi, allerta 1 per Genova. “Stiamo monitorando in tempo reale la situazione, con particolare attenzione allo Spezzino, dove nelle ultime ore si sono registrate piogge intense e alcuni allagamenti” ha detto l’assessore regionale all’ambiente, Renata Briano, dalla sala operativa della protezione civile della Regione Liguria, attiva per tutta la durata dell’allerta, dove sono al lavoro una decina di persone.