Udinese-Genoa, De Canio: “La squadra non è stanca, non mi preoccupano 3 gare in 7 giorni” - Genova 24

Udinese-Genoa, De Canio: “La squadra non è stanca, non mi preoccupano 3 gare in 7 giorni”

luigi de canio

Genova. Alla vigilia della trasferta di Udine mister De Canio pensa alle assenze della sua squadra più che a quelle degli avversari. ”Di Natale non convocato? Anche noi non abbiamo Jankovic. E comunque già altre volte l’Udinese ha giocato senza. Certamente è un giocatore importante e significativo ma i bianconeri sono una squadra ottima nel suo insieme, una formazione comunque da alta classifica”.

Ma al di là delle assenze, De Canio è confortato dalla preparazione dei suoi. ”Fisicamente stiamo meglio delle altre volte. Anche quei giocatori che erano più indietro giocando tante volte con il ritmo partita hanno assorbito meglio le
fatiche. Rispetto alla gara con il Parma poi abbiamo avuto anche un giorno in più di recupero. Devo dire che stiamo andando ormai verso l’ottimizzazione di tutti, anche quelli che erano più affaticati stanno meglio di prima. Non mi preoccupano le tre gare in sette giorni”.

Partita dopo partita il Grifone cresce ed il primo ad accorgersene è proprio il tecnico lucano. ”Stiamo diventando gruppo e questo passa anche dagli errori che compiamo. Mercoledì ad esempio temevo che dopo il successo contro la Lazio potessimo sottovalutare l’avversario e invece non è successo. Gli errori di Immobile? E’ un ragazzo di vent’anni,come Sampirisi era abbattuto per non aver fatto una buona gara. Ma se ogni partita si ritrovasse saldamente davanti al portiere avversario per 4/5 volte sarebbe un fenomeno, se poi segnasse anche una sola volta per ogni gara… Ma la cosa che conta veramente è che ci siano e che abbiano il coraggio di osare”.

E se per i due giovani le parole di De Canio sono dolci, non così quelle rivolte a Jorquera. ” Può e deve fare qualcosa di più. Non può pensare di vivere solo di fiammate. Deve avere più intensità, essere più nel vivo del gioco. Se riesce ad acquisire la giusta mentalità finisce che può diventare un giocatore insostituibile ma l’input deve darlo lui a noi”.

L’ultima battuta De Canio la dedica alle sfide passate con i bianconeri. ”Nelle ultime due stagioni ho giocato due gare non fortunate a Udine. Una volta con il Lecce, con tre gol irregolari, poi lo scorso anno quella con il Genoa (quando i
rossoblu’ si ritrovarono in 9 già nel primo tempo). Per questa volta spero solo sia una bella e normale partita di calcio”.