Treni da Far West, i pendolari Genova-Milano rispondono: "E' così difficile reprimere furti, danni ed evasione?" - Genova 24
Cronaca

Treni da Far West, i pendolari Genova-Milano rispondono: “E’ così difficile reprimere furti, danni ed evasione?”

tabellonetreni_ritardi

“Noi abbonati ci stiamo davvero rompendo le scatole di questa situazione, ci sentiamo innanzitutto presi in giro”.

Il commento amaro arriva dall’associazione Genova-Milano Newsletter, impegnata nella difesa dei viaggiatori pendolari tra i due capoluoghi, in riferimento alle ultime dichiarazioni di Trenitalia sugli atti vandalici ai convogli.

“La ferrovia in Italia appare negli ultimi tempi un territorio sempre più in balia di ladri – dicono dall’associazione – il furto di cavi di rame delle linee ferroviarie negli ultimi anni sembra essere diventato un tipo di reato praticato quotidianamente in ogni regione italiana, gli atti vandalici ai treni o alle stazioni avvengono con una periodicità inquietante ed è clamoroso accorgersi di quanti furbetti circolino impuniti sui nostri treni ogni giorno”.

“Sembra che individuare e condannare i responsabili di furti, atti vandalici ed evasione sia un’impresa ardua se non impossibile – dicono i pendolari – Noi abbonati paghiamo questa situazione: più atti vandalici, più furti e più evasione e in cambio ci vengono forniti meno carrozze, meno comfort, meno risorse per il Tpl, rischio di aumento tariffi e tagli ai treni, più ritardi”.

L’associazione auspica che da parte di Trenitalia ci sia una reale volontà di reprimere con durezza ed efficacia furti, atti vandalici ed evasione.

“Non vorremmo che invece, qualcuno pensi che sia più semplice e conveniente scaricare sui viaggiatori onesti le conseguenze economiche di tutto ciò” aggiungono.