Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Suora annegata a Quinto, è ancora mistero sulle cause della morte: ritrovata la borsa tra gli scogli

Quinto. Sono ancora confusi i contorni della vicenda che riguarda la madre superiora del convento vicentino delle Orsoline che ha trovato la morte nel mare che tanto amava. Ieri sera la Capitaneria di porto ha trovato la sua borsetta incastrata tra gli scogli, ma ancora nessuno ha potuto stabilire se la religiosa abbia scelto di morire oppure se, per un tragico incidente, sia finita in mare e le pesanti vesti l’abbiano fatta annegare.

Senz’altro sul suo corpo non ci sono ferite che possano far pensare a una morte violenta. Il suo cadavere è stato avvistato da due pescatori, che hanno subito chiamato la Capitaneria di porto. I militari hanno recuperato il corpo e l’hanno trasportato fino al molo Giano dove ha sede la capitaneria e dove li aspettava la polizia. Sul posto si è recato il medico legale che ha subito effettuato la ricognizione esterna del cadavere: nessun segno che potesse convincere gli inquirenti che la suora avesse subito traumi mortali.

Non è stato difficile per la polizia risalire all’ordine cui apparteneva: le Orsoline di Genova, che stanno tenendo giornate di approfondimento spirituale, avevano già denunciato dalla prima mattina la scomparsa di una madre superiora appartenente a un convento delle Orsoline nel vicentino. L’abito religioso corrispondeva per i colori proprio a una delle loro consorelle. Trasferito il corpo alla sede di Medicina legale, prima dell’autopsia, è stato effettuato il riconoscimento.

L’esame autoptico svelerà come è morta la madre superiora ma non potrà raccontare perché. Forse il suo amore per il mare potrebbe averla portata ad osare troppo avvicinandosi alle onde e cadendo, forse potrebbe aver avuto un malore. O infine potrebbe trattarsi di suicidio, anche se questa ipotesi è talmente in contrasto con la fede da farla escludere a priori.

La procura ha comunque aperto un fascicolo contro ignoti per la morte della madre superiora. Un atto dovuto, che potrebbe risolversi in una velocissima archiviazione.