Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Sampdoria: difesa-bunker e Maxi Lopez già “in palla”, ma che fatica segnare

Bogliasco. Tre punti fondamentali, quelli arrivati ieri contro il Siena. Un successo, per la Sampdoria, che lancia i blucerchiati nelle prime posizioni in classifica. Una partenza che pochi si aspettavano e che è sembrata convincente e figlia, soprattutto, del gioco. C’è indubbiamente di che sorridere.

L’impianto di questa Samp lo ha dato Iachini già l’hanno scorso e tale è rimasto anche sotto la gestione Ferrara: corsa, organizzazione e sacrificio. La forza dei blucerchiati è, in particolare, la difesa. Anche ieri sera, così come contro il Milan, nessuno sbandamento o quasi, poche occasioni agli avversari e Romero che tampona le poche falle lasciate aperte. Capitan Gastaldello ha commesso un errore sull’azione del rigore, è vero, ma si è trattato di una delle pochissime sbavature nei novanta minuti.

In mezzo Obiang conferma l’impressione lasciata l’anno scorso: il giovane è sicuramente un giocatore da serie A ed a centrocampo corre più di tutti, non disdegnando, qualche volta, di impostare, anche con buoni risultati. L’esordio di Maresca, poi, ha convinto: il fantasista sembra proprio un ottimo acquisto e le sue geometrie si sono subito rivelate importanti.

Se qualche problema c’è, è da ricercare in attacco. Il problema sembra lo stesso dello scorso campionato: la Samp fatica a segnare. Tre gol fin qui e due da calcio d’angolo. Tutti e due da difensori. A tenere alta la bandiera dei goleador il solo Maxi Lopez. L’argentino si è dimostrato una pedina importante e può veramente trascinare la Samp, ma serve di più. Altrimenti prepariamoci a molte partite come quella di ieri: visto il bel gioco espresso, i blucerchiati meritavano un vantaggio più rotondo, ma errori ed un pizzico di sfortuna lo hanno impedito.