Porto di Santa Margherita ligure, il comitato Difendi Santa: "Subito un tavolo permanente di confronto" - Genova 24

Porto di Santa Margherita ligure, il comitato Difendi Santa: “Subito un tavolo permanente di confronto”

Andrea Carannante

Santa Margherita ligure. Non si placano le polemiche intorno al nuovo porto di Santa Margherita ligure, il cui progetto è stato presentato – seppur a grandi linee – il 18 settembre.

Ora il comitato di cittadini contrario all’opera, chiede l’apertura di un confronto con la cittadinanza: “Chiediamo – spiega Andrea Carannante del comitato Difendi Santa – che le istituzioni e le società proponenti si impegnino a realizzare quel che i cittadini chiedono, in quanto “sovrani” e non soltanto elettori di una amministrazione pubblica, ma come diretti legislatori della cosa pubblica, essendo indubbio che una concessione di questo genere (50 anni) sarebbe irragionevole se deliberata da un’amministrazione pro tempore”.

“Studieremo assieme una formula dove l’assemblea cittadina “amministratrice del nuovo porto”, possa deliberare direttamente risolvendo e superando i problemi decisionali fra pubblico e privato, creando delle assemblee alle quali possono partecipare tutti i singoli soci-cittadini, discutendo pubblicamente fra loro, difendendo le proprie aspettative”.

“Promuovere forme e modelli di democrazia partecipativa e deliberativa sul fronte mare della nostra città – dice Carannate – consentirebbe alle istituzioni pubbliche di valorizzare l’ascolto dei cittadini, di renderli partecipi e attivi alla vita stessa della comunità in cui vivono, e agli investitori privati di responsabilizzarli sulle scelte che li riguardano”.

“Offrire ai cittadini il potere decisonale vero attraverso informazioni accessibili e complete, attraverso il confronto pubblico consente la formazione di opinioni più neutrali, perchè la partecipazione attiva dei cittadini alla vita democratica del Santa Margherita renderebbe Santa Margherita stessa più vivibile”.