Genova, cacciatori sul piede di guerra: in piazza contro la sospensione del calendario venatorio - Genova 24
Cronaca

Genova, cacciatori sul piede di guerra: in piazza contro la sospensione del calendario venatorio

protesta cacciatori

Genova. I cacciatori sono scesi in piazza per protestare contro la decisione del Tar di sospendere in via urgente parte del calendario venatorio varato dal consiglio regionale della Liguria il 7 agosto scorso.

Una folta delegazione sta dando vita a un presidio sotto la sede della Borsa, dove si sta svolgendo un convegno sull’agricoltura. “Il cacciatore è il primo cittadino dell’ambiente”, si legge su uno striscioni. “I cacciatori prelevano e ripopolano a loro spese”, si legge ancora.

Insomma, una grande protesta. “Non è una protesta contro gli agricoltori ma una segnalazione agli agricoltori di una situazione che si sta creando sul nostro territorio” spiega l’avvocato Andrea Campanile, presidente Federcaccia Genova.

“Noi oggi ci siamo trovati improvvisamente sotto attacco tramite ricorsi che dci stanno tagliando le gambe, chiediamo a loro un appoggio e una linea comune per affrontare un problema che oggi è attuale ma domani potrebbe diventare molto più problematico” .

Negli ultimi anni – dice Campanile – abbiamo cercato di dare un’ipostazione all’Attività venatoria il più attuale e moderna possibile, abbiamo fatto protocolli d’intesa con il mondo ambientalista, abbiamo cercato di sdoganarci dall’idea sbagliata del cacciatore che spara a tutto ciò che si muove. Abbiamo fatto piani di selezione e abbattimento per fare una caccia moderna sul nostro territorio, ma attacchi di questo tipo ci fanno tornare indietro di 15 anni”.