Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Tablet sotto l’ombrellone? Rischio “crack” al collo e gomito del tennista

Più informazioni su

Roma. Dal mouse dell’ufficio al tablet sotto l’ombrellone. Senza mai staccare le mani da un dispositivo elettronico. Per gli italiani maniaci del web anche in vacanza (ben il 42,44% utilizza Internet in spiaggia con una media di 2 ore al giorno, secondo una recente indagine), “il rischio di finire vittima di epicondiliti (gomito del tennista), di cervicalgie o tendiniti del polso (sindrome del tunnel carpale) è molto alto”. Ad affermarlo è Antonio Bortone, presidente dell’Associazione italiana fisioterapisti (Aifi).

“Le persone che utilizzano tablet o smartphone per diverse ore al giorno senza mai fermarsi – avverte – spesso assumono anche una postura sbagliata per tenere il dispositivo con una mano o sulle gambe, con in più una flessione esagerata del capo. E queste alterazioni della colonna provocano con il tempo lordosi cervicale e cervicalgia”. “Gli schermi touchscreen dei nuovi dispositivi – prosegue Bortone – di fatto non mettono sotto stress funzionale solo i tendini della mano, ma per i movimenti di grande precisione che servono per accedere ai menù digitali impongono una co-contrazione della componente muscolare distale e una stabilità dell’avambraccio. Un corto circuito – sottolinea – che porta ad una contrattura e ad uno stress funzionale del nervo mediano, quello che decorre lungo avambraccio, il problema precursore della sindrome del tunnel carpale”.

Gli ossessionati del web anche in spiaggia, per evitare di ritrovarsi a settembre sul lettino del fisioterapista, devono prestare attenzione a un’escalation di sintomi molto precisa. Si inizia “con un leggero formicolio alla mano – spiega l’esperto – a cui segue l’affaticamento, poi una contrattura muscolare e infine il dolore. Ma quando si sente la fitta – precisa Bortone – siamo già ad uno stato avanzato dell’epicondilite ed è consigliabile interrompere subito quello che si sta facendo e concedersi una pausa”.

L’epicondilite, infatti, si manifesta clinicamente con un dolore durante l’uso combinato di mano, polso e gomito. “Un sintomo che aumenta ad esempio dopo una giornata lavorativa o quando non si prende un break da mouse e iPad, ma che può diventare in seguito più intenso per entità e durata se non si interviene con una terapia antalgica o con l’aiuto di uno specialista”. “Quest’ultimo – conclude Bortone – con alcune manovre manuali ‘ad hoc’ può decongestionare l’infiammazione dei tendini e riportare la muscolatura della mano e del gomito ad una situazione più sopportabile”.