Quantcast
Sport

Olimpiadi, sincro: il Duo azzurro in finale. Giulia Lapi: “Domani possiamo migliorare”

perrupato-lapi

Genova. Si danza all’Acquatics Centre. Tra tango, hip pop, classica, sinfonica, leit motif di film come “Suspiria” di Dario Argento che caratterizza l’esercizio libero premiato con il miglior punteggio: quelle delle russe Natalia Ishchenko (campionessa olimpica a Pechino 2008 con la squadra) e Svetlana Romashina con 98.600 (49.200 e 49.400) che sommato al tecnico fa 196.800.

Seconde le cinesi Huang e Liu con 192.810. La coppia azzurra formata da Giulia Lapi e Mariangela Perrupato chiude al settimo posto, ampiamente entro le dodici qualificate, ottenendo 90.740 punti che sommate al tecnico di ieri danno 181.400. Davanti all’Italia, quarte, quinte e seste, anche le coppie di Canada (189.250), Giappone (186.400) e Ucraina (184.340).

Lapi e Perrupato hanno danzato sulle musiche del film “Frida” interpretata da Salma Hayek nel 2002, nella coreografia ideata per loro dalla ex campionessa e commentatrice televisiva, Giovanna Burlando. Nel programma libero, che dura circa un minuto di più rispetto al programma tecnico, ossia 3’20”, l’importante è l’impressione artistica che viene valutata dai giudici.

Specificamente viene valutata la coreografia, le musiche e la presentazione. Il punteggio finale è 90.740, leggermente sopra il tecnico di ieri chiuso con 90.700 punti. L’importante era l’ingresso in finale perché domani verranno riazzerati i punteggi del libero, e si rifarà lo stesso esercizio che andrà sommato al tecnico del primo giorno. Le prime dodici si giocheranno le medaglie a partire dalle ore 16 di domani.

“Sono contenta dell’esercizio, avevamo buone sensazioni in acqua – dichiara Lapi, la “veterana” delle azzurre -. Domani sappiamo dove poter migliorare in finale, riproponendo lo stesso esercizio. Oggi abbiamo difettato un po’ nella sincronia e nella tenuta fisica per una buona chiusura. La tensione in una finale olimpica è sempre grande, ma correggendo le piccole sbavature commesse oggi possiamo migliorare il punteggio”.

Le fa eco la compagna: “Speravamo un po’ meglio nel punteggio, avevamo previsto 91 punti. Stiamo provando tutte le mattine questo esercizio per affinarlo e in finale speriamo di poter aumentare il giudizio”.

Sulla stessa linea il responsabile tecnico azzurro, la savonese Patrizia Giallombardo: “Oggi ho visto le ragazze più tese rispetto a ieri. Qualche sbavatura e soprattutto errori nella sincronia. Meglio il gesto tecnico. Ora analizzeremo bene il video e gli errori da eliminare. In finale possiamo puntare a prendere 91.5”.