Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

NBA-Zena, il roster si chiude col botto: arriva Sara De Scalzi

Genova. E’ ligure, 29 anni, 176 centimetri, è stata per diversi anni una delle colonne della Polysport Lavagna prima di approdare alla Virtus Spezia, società con la quale ha disputato gli ultimi due campionati di Serie A2.

Nella scorsa stagione ha avuto un rendimento da vera top player: 30 minuti a partita con una media di 11,7 punti e soprattutto con una percentuale (50,97% totale, con il 56,7 da due) che l’ha posta al 5° posto dell’intera A2, seconda delle italiane. E’ una guardia, ma sa guadagnarsi anche rimbalzi (5 a partita), la sua aggressività offensiva le fa guadagnare diversi tiri liberi, con percentuali tali (82%) da collocarla al 6° posto a livello nazionale, in A2.

E’ Sara De Scalzi la top player che l’NBA-Zena aveva promesso a coach Pansolin cui viene affidata, per affrontare il nuovo campionato di A3, una squadra che potrà togliersi qualche soddisfazione.

Comprensibilmente felice Pansolin: “Sara è una giocatrice che ha dimostrato il suo valore in categoria superiore nelle ultime stagioni: è bellissimo che abbia deciso di sposare il nostro progetto. Aggiunge qualità al nostro reparto dietro e ci dà punti nelle mani anche sul perimetro, il nostro maggior punto debole nella passata stagione, per non parlare dell’esperienza che lei, Belfiore, Cerretti e Canepa (quando rientrerà) porteranno in dote verso le più giovani. Fossi un tifoso NBA sarei molto contento di come sono andate le cose quest’estate sia per gli arrivi che per le conferme: ora comincia il difficile però, e sono tutti affaracci nostri”.

De Scalzi ringrazia la sua ex società ma non fa mancare un’importante puntualizzazione: “Mi dispiace che a La Spezia qualcuno mi abbia fatto passare per mercenaria, cosa che chi mi conosce sa non corrispondere al vero, i problemi principali erano altri. Ringrazio comunque la Virtus per avermi dato l’opportunità di confrontarmi con il campionato di A2. Ora ho voglia di voltare pagina e iniziare questa nuova avventura: sono felice di andare a far parte di questo gruppo che so essere affiatato, farò tutto il possibile per ripagare nel migliore dei modi la fiducia che mi hanno mostrato società e allenatore”.

Il presidente Besana e Giorgio Fugazzi, vice presidente e sponsor con la sua azienda, la Wideurope, non riescono a nascondere la loro soddisfazione.

“Abbiamo coltivato a lungo la speranza di portare a Genova, dopo Belfiore, un altro pezzo da novanta come De Scalzi – spiegano -. Sara lavora a Genova, non molto distante dal PalaDonBosco, e speravamo che anche questo potesse rappresentare un elemento a nostro favore. Così è stato e ci ha fatto molto piacere che la scelta di Sara sia passata anche attraverso l’apprezzamento del nostro modo di operare e di strutturare il rapporto con le nostre giocatrici. L’abbiamo sempre sofferta, da avversaria. Ci auguriamo che continui così, a far soffrire le squadre avversarie…”.

De Scalzi conserverà il numero 20, che all’NBA-Zena è stato utilizzato, in questi tre anni, solo da Sonia Savi, nella stagione 2009/10: quell’anno Savi (top scorer NBA-Zena) si guadagnò, grazie alla sua efficacia offensiva, il soprannome di “bomber”. Le premesse per onorare ulteriormente questo numero ci sono tutte.

E potrebbe uscirne una nuova bella storia. Il titolo è già pronto: “Via col venti…”.