Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Lotta ai portoghesi, la Regione inasprisce le multe: biglietti non pagati per 8 milioni di euro

Più informazioni su

Liguria. Una nuova legge regionale sull’inasprimento delle sanzioni per chi viaggia in bus o in treno senza biglietto. E’ stata illustrata quest’oggi dall’assessore ai trasporti Enrico Vesco alle organizzazioni sindacali di categoria, dopo il confronto avvenuto nei giorni scorsi con gli Enti locali e le aziende. Multe di 60 euro per chi paga entro 5 giorni e fino a 40 euro per chi paga subito.

“In un comparto economico in cui la scarsità di risorse è sempre più preoccupante – ha detto Vesco – l’evasione tariffaria costituisce un serbatoio a cui attingere per dare respiro alle finanze aziendali. L’esigenza di inasprire le sanzioni è nata per arginare un fenomeno che a livello nazionale tocca punte del 20% e per quanto riguarda la Liguria arriva fino al 10% dell’ammontare complessivo dei ricavi dai biglietti, con una perdita per mancati introiti che per la gomma si aggira intorno agli 8 milioni di euro all’anno”.

In base alla legge le aziende avranno più spazio di intervento nell’opera di contrasto all’evasione, con sanzioni uniformi su tutto il territorio regionale. Oltre alle multe previste per i portoghesi dei bus la legge prevede anche sanzioni più alte per irregolarità nel comparto ferroviario, con multe fino a 100 euro per chi non è in possesso di biglietto, nel caso in cui il pagamento avvenga entro 15 giorni o 50 euro se il pagamento viene effettuato a bordo del treno. La legge che verrà portata all’attenzione della Giunta domani, diventerà operativa dopo l’approvazione del consiglio regionale il cui iter prenderà il via a settembre.