Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

La Samp sbanca San Siro: ritorno in serie A da sogno per Ferrara

Milano. La prima di campionato contro il Milan non sembrava l’ideale per festeggiare il ritorno in serie A della squadra blucerchiata dopo un anno di purgatorio e invece grazie ad un gol di Costa e un Romero in splendida serata la Sampdoria sbanca il Meazza e si gode la testa della classifica.

Il gol che decide la partita arriva al 59′ con un bello stacco di testa di Costa su calcio d’angolo. La reazione rossonera ottiene solo i pali colpiti da Yepes al 64′ (con l’intervento di Romero) e Boateng al 90′. Vano il forcing finale contro la porta blucerchiata.

Sampdoria ben organizzata da Ciro Ferrara che sembra iniziare con un 4-3-3, ma che in realtà è un 4-5-1, utile soprattutto quanto dalla fase difensiva si deve passare a quella offensiva.

Prima dell’inizio della partita c’è stata anche la contestazione da parte dei tifosi del Milan a Fantantonio: ‘Cassano cuore ingrato’: questo il testo dello striscione indirizzato dalla Curva Sud del Milan, che dopo essersi trasferito all’Inter ieri ha riservato parole poco tenere per il club rossonero. Prima della partita contro la Sampdoria, sugli spalti del Meazza sono comparsi altri striscioni ironici nei confronti del barese, rimpianto forse soltanto da un bambino biondo che si è presentato alla partita con la maglia rossonera di Cassano.

Su un cartellone c’era scritto ‘Cassano benvenuto al manicomio’, con l’ultima parola a tinte nerazzurre. Un chiaro riferimento a quanto detto dal fantasista un anno e mezzo fa quando, arrivando al Milan, promise: “Se sbaglio qui sono da chiudere in manicomio”.

In cambio di Cassano è arrivato dall’Inter Giampaolo Pazzini, e soggetto di uno striscione mostrato da alcuni tifosi milanisti: ‘Hai giocato nell’Inter? Tu sei un Pazzò. La Curva Sud, a pochi giorni dalla chiusura del mercato, ha poi mandato un messaggio alla società con un lenzuolo con scritto: ’31 agosto attendiamo fiduciosi’.