Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Da Calata Bettolo a Pallare: nel savonese i preparativi per il disinnesco della bomba

Più informazioni su

Genova. Dopo le operazioni di disinnesco la bomba ritrovata a Calata Bettolo, nel porto di Genova, sarà fatta brillare a Pallare, nel savonese, presso la cava Bagnasco del Comune di Pallare. Le operazioni saranno condotte dal personale del 32° RGT Genio Guastatori di Torino. Al fine di garantire la sicurezza pubblica nelle operazioni di brillamento, la Prefettura di Savona, d’intesa con quella di Genova, ha adottato il 23 agosto 2012 il provvedimento con le direttive che dovranno essere attuate dagli organi statali e comunali che prenderanno parte alle citate attività. Le operazioni di disinnesco dell’ordigno bellico avranno inizio nel porto di Genova nella mattinata del 26 agosto p.v. presumibilmente alle ore 9.00, con il despolettamento dell’ordigno in loco, la sua successiva rimozione ed il carico su idoneo veicolo per il trasporto dello stesso verso cava Bagnasco di Pallare, nella quale le operazioni di brillamento, da parte degli artificieri, avranno inizio verso le ore 14.00.

Per consentire l’effettuazione in sicurezza delle operazioni, è stata individuata un’area ( danger zone ) con un raggio minimo di 500 metri dal luogo di brillamento presso la cava Bagnasco, nella quale il sindaco di Pallare assicurerà lo sgombero di persone e del traffico veicolare fin dalle ore 13.00. Al primo cittadino valbormidese il compito di assicurare un’adeguata informazione alla popolazione.

Le Forze di Polizia provvederanno alla verifica dello sgombero delle persone eventualmente presenti nella “danger zone”, all’ interdizione del traffico veicolare nella predetta zona e al servizio di scorta e viabilità al mezzo adibito al trasporto dell’ordigno disinnescato dal confine provinciale fino al luogo del brillamento. Le autorità aeronautiche assicureranno l’interdizione dell’eventuale traffico aereo. I gestori del servizio di telefonia mobile e delle emittenti radio presenti nella zona provvederanno ad interrompere i relativi servizi nella zona del brillamento per tutta la durata dell’intervento al fine di evitare possibili interferenze con le operazioni in corso.

Le comunicazioni per la utenze cellulari saranno riattivate alla conclusione dei rispettivi interventi nel corso della giornata. L’Enel assicurerà l’interruzione dell’energia elettrica a bassa e a media tensione nel sito del brillamento. L’amministrazione provinciale garantirà che nella zone interessata dalle operazioni non vengano svolte attività venatorie e di addestramento cani.
Allo scopo di monitorare costantemente la situazione, in Pallare è costituito un Posto di Comando Avanzato (ICP) coordinato dal rappresentante del Prefetto, con la partecipazione dei rappresentanti delle Forze dell’Ordine, della Provincia, del Comune di Pallare, del 32° Genio Guastatori di Torino, del Comando Provinciale del Corpo Forestale dello Stato, del Comado Provinciale dei Vigili del Fuoco, dell’Ispettorato Territoriale Liguria del Ministero dello Sviluppo Economico, del Servizio 118, dell’Enav e dell’Enel. Al posto di Comando Avanzato saranno presenti altresì, i rappresentanti individuati di comune accordo dai gestori di telefonia mobile e delle emittenti radio.