Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Chiavari tiene l’Imu al minimo, Levaggi: “Gesto di responsabilità ed aiuto concreto alle famiglie”

Chiavari. Roberto Levaggi, sindaco di Chiavari eletto pochi mesi fa, lo annuncia oggi orgoglioso: nonostante i tagli e le crescenti difficoltà per far quadrare i bilanci degli enti locali, l’Imu rimarrà al livello minimo fissato per legge.

La decisione riguarderà sia l’imposta sulla prima casa, sia quella sulle seconde affittate a residenti, sia, infine, per le abitazioni concesse in uso gratuito a famigliari e parenti di primo grado.

“Nonostante il difficile periodo economico – ha spiegato il sindaco dopo il deposito del Bilancio Previsionale 2012 – che stiamo vivendo e la situazione finanziaria in cui la precedente amministrazione ha lasciato il Comune di Chiavari, mi sono impegnato personalmente in campagna elettorale a non alzare l’Imu e così abbiamo fatto. E’ un gesto di responsabilità sociale”.

Una decisione, comunque, che non mancherà di far sentire i suoi effetti sulle casse comunali. “Si tratta – continua Levaggi – di un’entrata in meno importante, ma personalmente sto dalla parte dei miei concittadini. Non possiamo aggravare la situazione delle famiglie aumentando l’Imu. La prima casa non si può toccare perché è una sicurezza troppo importante per chiunque e mantenendo l’Imu al minimo si compie un vero e proprio aiuto diretto alle famiglie”.

Ma non è l’unica buona notizia in attivo per i chiavaresi: l’amministrazxione comunale ha infatti deciso di non applicare l’addizionale Irpef. “La manterremo – spiega il primo cittadino – a zero perché il livello medio degli stipendi in Italia è oramai molto basso rispetto all’incremento del costo della vita. Basta vedere il caro benzina e il caro delle bollette di luce e gas per averne un riscontro immediato”.

Indubbiamente forte, invece, sarà l’impatto per l’Imu sulle seconde case sfitte. “L’Italia ha bisogno di un riequilibrio sociale e per questo, a fronte di tante famiglie che stringono la cinghia, non si può accettare di non far contribuire chi mantiene degli appartamenti sfitti o tenuti a disposizione e per questo l’aliquota Imu di Chiavari in questo caso sarà applicata al massimo, ovvero all’1,06 %” – ha concluso il sindaco.

Per tutti gli altri immobili che non rientrano in queste categorie, l’aliquota sarà allo 0,83%.