Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Calcio, Eccellenza: il primo acquisto della Sammargheritese è… un defibrillatore

Santa Margherita. La Federcalcio impone la presenza di un medico a bordo campo, durante le gare di campionato. Ma ci sono società che vanno oltre. Come la Sammargheritese, il cui primo acquisto per il prossimo campionato non è stato un attaccante o un portiere bensì un defibrillatore. Non si tratta di evitare una rete o segnarla ma di salvare una vita umana. L’apparecchio sanitario di ultima generazione ha un costo di 1.500 euro (pagato interamente dalla società) e arrivato, nei giorni scorsi, al campo sportivo Broccardi di Santa Margherita.

Il preparatore atletico degli arancioni, Marco Seveso, è stato fra primi ad attivarsi nella sensibilizzazione del problema ed ha anche promosso un corso per l’utilizzo del defibrillatore, che si è svolto al campo Broccardi di Santa Margherita: “Purtroppo molte società a cui sono stati donati, tengono il defibrillatore nell’armadio perchè non hanno personale formato per utilizzarlo – spiega Marco Seveso -. Avere un defibrillatore, e saperlo utilizzare, significherà attrezzarsi secondo le normative più moderne per gestire l’emergenza che potrebbe accadere in campo, entro i fatidici dieci minuti, i più importanti, prima dell’arrivo dei soccorsi medici avanzati”.

Insieme al preparatore atletico Marco Seveso, la Sammargheritese ha partecipato al corso con il massaggiatore Alcide Cassetta, gli allenatori Alfredo Barigione e Matteo Gulisano, i dirigenti Michele Amandolesi e Claudio Guarrella e pure con un giocatore, Davide Mortola, classe 1991, uno dei più giovani della rosa degli arancioni.