Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Amt, Vesco “gela” i sindacati: “Si alla cassa in deroga, ma per il 2012 neanche un euro in più”

Genova. Fumata grigia per Amt. Si sta tenendo in queste ore l’incontro tra Regione Liguria, sindacati ed azienda di trasporto pubblico genovese e le notizie che cominciano a trapelare non sono positive.

La Regione, infatti, non interverrà per ripianare il bilancio di Amt. Lo ha chiarito proprio in apertura dell’incontro l’assessore ai Trasporti Enrico Vesco: “Non c’e’ un euro in piu’ per il
trasporto pubblico in Liguria per il 2012, la partita dei finanziamenti é chiusa”.

Una posizione ribadita più volte e che non lascia spazio ad aperture: “La partita dei finanziamenti regionali è chiusa – ha continuato Vesco – ed è chiusa anche nel modo migliore possibile,
non c’è più la possibilità da parte della Regione di aprire un confronto sulle risorse stanziate”.

Spiragli, invece, si intravedono per quanto riguarda la cassa integrazione in deroga, richiesta più volte dai rappresentanti dei lavoratori. La Regione, in questo caso, ha garantito la disponibilità dei fondi necessari, anche se rimane un’incognita per il prossimo anno, quando l’ammortizzatore dovrà essere rifinanziato. “Sulla cassa ad oggi non ci sono problemi – ha detto Vesco- ma la quantità di risorse disponibili per la cassa nel 2013 deve ancora essere discussa con il governo”.

Incognite che permangono anche per i finanziamenti regionali al tpl per il 2013 (“é un’incognita per tutti a causa dei continui tagli statali” – ha chiarito l’assessore) e per la legge che dovrebbe rivoluzionare il settore, costitutendo l’azienda di trasporto unica regionale.

Qui, però, Vesco si è impegnato a raggiungere il risultato al più presto: “La nuova legge sull’azienda unica regionale sara’ discussa ed approvata il piu’ rapidamente possibile dal consiglio
regionale”. I sindacati, intanto, mantengono un atteggiamento attendista. “L’assessore – ha detto Antonio Cannavacciuolo, Uil Trasporti – ha ribadito che rimarrà il taglio di un milione di euro ai finanziamenti. Niente di nuovo. Sono emersi, però, due fatti fondamentali: l’accelerazione dell’iter per approvare la legge di riforma del tpl e la disponibilità di fondi per la cassa in deroga. Preoccupa, però, non sapere nulla di cosa ci riserverà il 2013”.

Conclusa la riunione, i sindacati e l’azienda sono attesi a Palazzo Tursi per un nuovo incontro, questa volta con il sindaco di Genova Marco Doria. “Qui – conclude Cannavacciuolo – il discorso principale verterà sui tempi: i sindacati hanno presentato un piano serio e preciso, ma ora i soggetti in causa hanno bisogno di più tempo. La scadenza del 31 agosto non permette una trattativa concreta”.