Economia

Vacanze: solo 1 italiano su 3 lascia la città, ma anche la passeggiata con gelato costa cara

Solo il 34% degli italiani, appena un cittadino su 3, partirà per le vacanze estive per almeno una settimana. Il resto degli italiani, secondo l’Osservatorio nazionale Federconsumatori, ha dichiarato che rinuncerà a partire per ragioni di budget, ma che trascorrerà qualche giornata all’insegna del riposo e del divertimento pur rimanendo in città.

Tra le attività più gettonate, la giornata in piscina, i trattamenti in un centro benessere, giri in bici o a cavallo, parchi divertimento.

Ma secondo l’Osservatorio di Federconsumatori, che ha monitorato i costi di queste attività, negli ultimi 5 anni si è assistito a un incremento notevole: dal 2007 trascorrere una giornata in piscina costa il 6% in più, al parco acquatico il 14% e il 22% per i parchi divertimenti. Aumenti del 6% anche per l’ingresso in centri benessere.

Un ingresso al museo costa circa 12,50 euro, rispetto ai 6 euro del 2007, per una variazione del prezzo del 56%. Aumentano del 17% festival e concerti, del 20% i gelati.

Una famiglia di 4 persone (2 adulti e 2 bambini), per una giornata tipo in un parco divertimento spenderà in media 78 euro, (il 26% in più rispetto al 2007), per un gelato in centro 12 euro (+20% rispetto al 2007).