Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Turismo, il consigliere Chiesa dice sì ai cavalli nei parchi delle valli Graveglia, Sturla e Aveto

Più informazioni su

Regione. “I cavalli possono rappresentare un’opportunità turistica come avviene nei parchi americani, dove gli esemplari allo stato brado sono un’attrazione che richiama migliaia di appassionati” ha affermato il consigliere regionale Ezio Chiesa, di Liguria Viva, intervenuto oggi a margine del discussione avvenuta in aula in merito alla presenza di cavalli allo stato brado nell’entroterra del Tigullio.

“L’unico modo per gestire in modo corretto i numerosi cavalli presenti alla stato brado nelle valli Graveglia, Sturla e Aveto può arrivare attraverso un progetto dell’Ente Parco Aveto” ha aggiunto Chiesa.

Nelle aree gestite dal Parco dell’Aveto esistono gli spazi adeguati per predisporre apposite recinzioni dove i cavalli possono trovare il loro habitat naturale, in sicurezza, senza produrre danni e consentendo inoltre alla Asl 4 di effettuare i necessari controlli sanitari.

“Una scelta che permetterebbe agli agricoltori della zona di non subire ulteriori danneggiamenti e nel contempo, per quanto riguarda il Parco, può rappresentare un’ulteriore opportunità turistica – ha affermato Chiesa che intende riproporre tale soluzione in occasione della riunione di tutti i soggetti interessati che l’assessore Montaldo ha deciso di programmare in tempi brevi.

“Tocca pertanto all’ente Parco – ha concluso il consigliere – in collaborazione con la Regione Liguria e i Comuni interessati, predisporre un progetto adeguato individuando le risorse necessarie, spiace infatti constatare che i fondi sino ad oggi assegnati, circa 69 mila euro, non hanno prodotto i risultati sperati”.