Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Terzo Valico, Pd Liguria e Pd Piemonte fanno quadrato: “Occasione di sviluppo per tutto il Nord”

Liguria. Il PD della Liguria e il PD del Piemonte fanno quadrato sul terzo valico dei Giovi, mettendo a punto un documento unitario che sancisce la priorità strategica di questa infrastruttura e le sue potenzialità per la crescita del Paese, concorda una linea politica condivisa su temi di rilevanza ambientale, evidenzia l’atteggiamento negativo e latitante della Regione Piemonte ed infine individua le prossime iniziative nei confronti dei principali interlocutori a livello nazionale.

“Il documento – spiega il segretario regionale del PD ligure Lorenzo Basso – parte dalla convinzione che spetta alle forze politiche democratiche dare un segnale positivo di chi non si sta rassegnando alla crisi ma anzi intende spendere tutte le energie possibili per favorire l’economia reale, capace di creare sviluppo economico, occupazionale, produttivo dei nostri territori.”

“Sentiamo il dovere di far crescere con scelte moderne e compatibili con l’ambiente le nostre regioni – aggiunge Basso – offrendo ai giovani una prospettiva lavorativa che gli permetta di avere ancora speranza nel futuro.”

Raffaella Paita, assessore regionale alle infrastrutture, che ha partecipato ai lavori di stesura del documento, mette in luce che: “la realizzazione del terzo valico è un’occasione di sviluppo per tutto il Nord Italia e riveste una funzione chiave a supporto del sistema portuale della Liguria, tra i pochi che sta reagendo alla crisi. Abbiamo bisogno di quest’opera per sbloccare il traffico merci su rotaia e muovere l’economia che attraverso il Mediterraneo collega i mercati del Nord Africa all’Italia e all’Europa settentrionale.”

Il PD ligure e quello piemontese hanno infine sottoscritto l’impegno a sensibilizzare, grazie anche all’azione dei loro parlamentari, il Governo perché vengano al più presto costituiti un Tavolo istituzionale ed un Osservatorio tecnico con le forze istituzionali interessate sui vari livelli. Richiamano inoltre la necessità di attivare l’Osservatorio ambientale come previsto dalla delibera del CIPE.

“L’auspicio è che questa iniziativa – sottolineano Paita e Basso concludendo – inauguri una forte cooperazione tra Liguria e Piemonte che, in linea con l’iniziativa politica del PD del Nord, si impegni in azioni politiche coordinate su tutti i temi legati alla competitività del Paese dall’ambiente alle infrastrutture, dal marketing territoriale a ricerca, università, formazione, attività produttive”.