Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Lettere al direttore

Stradale Chiavari, lettera aperta del Silp: “Gravissime violazioni agli accordi”

Sono avvenute gravi violazioni degli accordi e delle garanzie che l’amministrazione in sede di pianificazione della sperimentazione per il Distaccamento di Chiavari aveva fornito per iscritto alle O.O.S.S.. Nella formazione di quel documento si erano stabiliti chiaramente nuovi e maggiori carichi di lavoro e altresì particolari prescrizioni a tutela degli operatori impiegati con maggiore frequenza in ambito autostradale.

Se a fronte di un impiego medio di 4-5 pattuglie settimanali prima dall’inizio della sperimentazione, il Distaccamento di Chiavari ora, presenzia in autostrada con 10 pattuglie settimanali. E tale impiego era stato chiaramente delimitato ad una presenza solo negli orari 07-13 e 13-19 dal Lunedì al Venerdì, nella tratta compresa A/12 tra Sestri Levante e Genova Nervi.

A rafforzare tali accordi era stata anche fornita la chiara disposizione di attuare informazione preventiva per le O.O.S.S. in base alle norme dell’A.N.Q. art. 7 / 7°, nel caso in cui per inderogabili ed emergenziali esigenze (fenomeni meteorologici eccezionali, incendi, molteplici eventi infortunistici di grave entità), il Distaccamento può essere impiegato in ambito autostradale al di fuori delle disposizioni e degli orari previsti.

Da oggi 14/07/2012 inizierà un servizio di vigilanza per gli esodi e i controesodi del periodo estivo, in base al quale avverrà un impiego sistematico in autostrada anche nei giorni di Sabato e Domenica sino alla data del 09/09/2012, ciò nonostante il già incrementato carico di lavoro previsto dalla sperimentazione nell’ambito autostradale, andando così ad impoverire ulteriormente la presenza necessaria del Distaccamento sulla viabilità ordinaria, che nel periodo estivo per la presenza di note località turistiche raddoppia la popolazione ed il traffico presente.

Tutto ciò con una circolare redatta il 02/07/2012 e protocollata in arrivo presso codesto reparto solo il 13/07/2012, ed ai chiarimenti richiesti da questa segreteria è stato risposto eludendo gli accordi intrapresi e le garanzie sottoscritte, spiegando che questo nuovo servizio non è un mero servizio autostradale ma bensì un servizio di tipo “specialistico”, e non trasgredisce ai paletti decretati nel verbale dell’assemblea c/o il Compartimento del Maggio u.s..

Da tale condotta emergono evidenti violazioni agli accordi presi e al comune buon senso:

VIOLAZIONE ALL’ART 7/7° DELL’ A.N.Q. PER LA MANCATA COMUNICAZIONE PREVENTIVA ALLA O.S. PER LA VARIAZIONE RISPETTO ALLA SPERIMENTAZIONE IN CORSO;

VIOLAZIONE PER L’ INSUSSISTENZA DI SITUAZIONI EMERGENZIALI ED ECCEZIONALI (INFATTI SERVIZI ESODO E CONTROESODO ERANO CHIARAMENTE PIANIFICABILII E PREVISTI DA TEMPO, PERALTRO GIA’ INDICATI ANCHE NEL VERBALE DELL’ASSEMBLEA DI MAGGIO U.S. MA CONCERNEVANO UNICAMENTE SERVIZI IN VIABILITA’ ORDINARIA);

CARENZA DI TEMPISTICA E DI TRASPARENZA NELL’INFORMAZIONE DI TALI NOVITA’;

VIOLAZIONE RISPETTO AGLI ACCORDI SUI GIORNI D’ IMPIEGO (SABATO E DOMENICA);

VIOLAZIONE RISPETTO AGLI ORARI D’IMPIEGO ( INFATTI IMPIEGO ANCHE CON ORARIO 19-01);

VIOLAZIONE RISPETTO ALL’ITINERARIO PREVISTO (INFATTI IMPIEGO SU SNODO A/10-A/7-A/12).

Tutte queste novità ricadono gravosamente sui carichi di lavoro dei dipendenti di questo reparto, che nonostante la maturità e la partecipazione sin qui dimostrate nel perseguire gli obiettivi progettati con la sperimentazione, si vedono ora ulteriormente penalizzati e confusi.

Nonostante siano oramai trascorsi più di 2 mesi dall’inizio di questa sperimentazione, questo ulteriore grave disagio si cumula e pone serie riflessioni e dubbi circa le medesime garanzie che furono fornite in quelle circostanze in merito all’erogazione dell’indennità autostradale piena e ai relativi benefits previsti per chi opera in ambito autostradale, ricordando che fu altresì garantito il riconoscimento degli arretrati.

Si riscontra quindi l’ennesima conferma che questa amministrazione si piega a logiche privatistiche, rispondendo alle necessità contenute nella convenzione siglata con la Società Autostrade S.p.a. senza badare ad una corretta gestione delle risorse umane, insensibile a quanto il reparto abbia sin qui fornito in termini di professionalità, maturità e disponibilità.

Questa segreteria ha già provveduto ad informare i propri organismi a livello nazionale della grave situazione creatasi, ergo, se tali violazioni non rientreranno immediatamente il SILP CGIL non esclude di mettere in atto iniziative pubbliche di protesta clamorose sul territorio.

Il Segretario Generale Provinciale
Roberto Traverso