Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Scuole, Progetto per Santa: “Non si possono fare tagli sull’istruzione e sui servizi scolastici”

Santa Margherita. Negli ultimi anni, il contributo che l’amministrazione comunale di Santa Margherita eroga alla scuola primaria e secondaria è decisamente diminuito. Ciò, inevitabilmente, ha comportato varie preoccupazioni emerse dal primo incontro  con un gruppo di genitori e alcuni docenti con i rappresentanti di Progetto per Santa.

Dal 2010, il Comune ha cominciato a tagliare il contributo con il rischio estremo di non erogare per il prossimo anno. Dalla cifra di 10mila euro, si è scesi a 4.000 e il rischio di arrivare a zero, per il 2012, è purtroppo reale. E la preoccupazione è lecita.

“Questo vuol dire che diverse questioni scolastiche saranno oggetto di radicale revisione e lo dico pensando all’offerta formativa – spiega Jolanda Pastine, capogruppo di Progetto per Santa -. Dalla riunione con famiglie e docenti, è anche emersa una situazione di disagio per la presenza di un sistema informatico composto da macchine vecchie e fatiscenti con sistemi operativi che non sostengono i nuovi programmi, inoltre si rileva la mancanza di lampadine, di carta per fotocopie, o addirittura di pennarelli da lavagna bianca e altro materiale di facile consumo”.

“Credo che tutti, indipendentemente dal pensiero politico, dinanzi a problemi di questo tipo, debbano assumere una posizione di estrema tutela nei confronti di un diritto come quello della scuola. Il valore della cultura e dell’istruzione è il futuro dei nostri giovani – osserva Jolanda Pastine -. Il Comune è costretto a tagliare? Facciamolo dal dessert, non togliamo il pane quotidiano ai nostri bambini e ragazzi”.

Pur premettendo l’assurdità di una situazione in cui da qualche anno i genitori sono invitati a corrispondere un contributo annuo volontario nel tentativo di garantire un livello di qualità scolastica decoroso, allo stato attuale la situazione pare talmente allarmante che anche tale sforzo non sarà sufficiente a colmare le richieste di spese vitali per il funzionamento della scuola.

“Le famiglie di Santa Margherita sono già state colpite dall’aumento dei prezzi della mensa, del servizio scuolabus e pure dei centri  estivi. Quindi, ci chiediamo come l’amministrazione di Santa Margherita tuteli i nostri giovani – conclude Jolanda Pastine a nome di Progetto per Santa -. Non vogliamo fare una mera polemica, che non sarebbe utile a nessuno, tanto meno alle famiglie, agli studenti e ai docenti delle scuole sammargheritesi. Anzi, proponiamo un tavolo di confronto aperto a tutte le forze istituzionali e politiche, alle famiglie e ai docenti (con queste ultime due categorie, lo abbiamo già fatto nei giorni scorsi), per cercare possibili soluzioni che non vedano fare tagli sulla scuola, al di là del pensiero politico di ognuno di noi”.

Jolanda Pastine, Progetto per Santa