Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Scuola di Nozarego, gli iscritti alla prima trasferiti alla Scarsella: “Fulmine a ciel sereno, ma nulla è perduto”

Santa Margherita. Il sindaco Roberto De Marchi e l’assessore ai Servizi Scolastici, Maurizio Tuseo hanno ricevuto la comunicazione ufficiale, a firma del dirigente dell’Istituto Comprensivo Anna Bianchi, del trasferimento degli iscritti alla classe prima dal plesso di Nozarego Basso alla Scuola Elementare Scarsella di Via Roccatagliata.

Il dirigente ha informato l’amministrazione che la decisione, adottata dal consiglio d’istituto in data 28 giugno, è stata provocata dal numero insufficiente di richieste d’iscrizione, che a Corte si sono fermate a 11. “In applicazione del D.P.R. 81/2009 art.10 comma 1, secondo cui le classi di primaria sono di norma costituite con un numero di alunni non inferiore a 15 e non superiore a 26” – recita la documentazione trasmessa – considerato che il numero di alunni iscritti alla classe prima del plesso di Nozarego Basso è pari a 11; non essendo pervenuta alcuna disponibilità allo spostamento di plesso delle 27 famiglie degli iscritti alla prima a tempo normale della scuola Scarsella, interpellate in merito con comunicazione scritta datata 29/05/2012; con delibera n.25 del Consiglio di istituto riunitosi in data 28 giugno 2012, si disponeil trasferimento al plesso Scarsella delle iscrizioni alla classe prima presentate per il plesso Nozarego Basso, al fine di garantire la formazione di classi di numero equilibrato e conforme alla normativa: 1 classe a tempo pieno con 23 iscritti e 2 classi a tempo normale con 20 iscritti ciascuna”.

La dirigente ha sottolineato anche “che tale provvedimento non pregiudica la possibilità di richiedere l’iscrizione alla classe prima per il plesso di Nozarego Basso per il successivo anno scolastico”. La scuola di “Corte” , l’anno prossimo, ospiterà dunque le classi 2°, 3°, 4° e 5°, rimanendo aperta e funzionante sotto ogni aspetto. Questo in linea, anche, coi desideri dell’amministrazione, che ha più volte ribadito la volontà di mantenere un istituto scolastico nel quartiere di San Giacomo di Corte.

“La notizia, giunta senza preavviso, è stata un fulmine a ciel sereno. Pur  nel rispetto delle decisioni assunte dal consiglio d’Istituto,  l’abbiamo appresa con estremo dispiacere – commentano il Sindaco Roberto De Marchi e l’assessore Maurizio Tuseo – Vi sono però due dati da cui ripartire: il primo è che la scuola rimane aperta, e il secondo che sarà ancora possibile iscrivere i propri figli alla classe prima per l’anno scolastico 2013-2014. Nulla, quindi, è ancora perduto. Siamo disponibili a coadiuvare le famiglie e i cittadini che volessero attivarsi per organizzare iniziative di sensibilizzazione, perché la sola volontà dell’amministrazione di conservare all’edificio la sua vocazione scolastica non è sufficiente. E’ anche necessario che le famiglie sammargheritesi premino e difendano questa scelta”.