Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Sampdoria, Eder: “Questa maglia è il mio sogno”. Sensibile su Pazzini e Rigoni

Più informazioni su

Genova. Ancora qualche ora di pazienza e scopriremo progetti e ambizioni di Ciro Ferrara. Il nuovo tecnico della Sampdoria verrà presentato domani. Il napoletano si aspetta qualche rinforzo ma potrà contare su un Eder carico a molla.

“Quando sono arrivato avevo due obiettivi- ha dichiarato il brasiliano sul sito della società di Corte Lambruschini- riportare la Samp in Serie A e rimanere in blucerchiato. Potete immaginare la mia gioia. Non conosco personalmente Ferrara ma conosco il suo passato da calciatore e le sue esperienze con la Juve e con l’Under 21. So che ha fatto bene e poi ho letto sul sito che arriva con molto entusiasmo e voglia di mettersi in gioco. Sono certo che darà il suo contributo per fare il bene della squadra”.

Ecco poi un applauso ai tifosi: “Dobbiamo ringraziarli per quello che sono riusciti a fare insieme a noi. Abbiamo riportato la Samp in A e se ce l’abbiamo fatta è anche merito loro, del loro calore, delle emozioni enormi che sa trasmetterti quella Gradinata. Sono speciali”.

Come Ferrara anche Eder spera che il mercato regali qualche pezzo da novanta alla squadra. Il sogno proibito di società e tifosi è il ritorno di Giampaolo Pazzini. Se per Antonio Cassano le speranze sono ridotte al lumicino, l’attaccante interista parrebbe alla portata di mano. Da Milano fanno finta di nulla, il direttore dell’area tecnica nerazzurra Marco Branca ha specificato che il bomber partirà in ritiro con il club di Massimo Moratti. L’estate però è lunga e le cose possono cambiare rapidamente. L’ipotesi di un prestito non è da scartare, il vero nodo riguarda l’ingaggio del giocatore, sicuramente fuori dai parametri della Samp. Volere è potere, si vedrà.

In piedi anche la pista che porta a Marco Rigoni, trequartista del Novara inseguito da mezza Serie A. Il giocatore ha dato la sua disponibilità a vestire la maglia blucerchiata, adesso bisogna limare la differenza tra quello che offrono i genovesi e quello che chiedono i piemontesi. Insomma, un’altra di quelle trattative da seguire con attenzione e pazienza.