Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Regione, Matteo Rosso esprime solidarietà ai lavoratori di Arpal in stato di agitazione

Più informazioni su

Regione. “La loro posizione è responsabile e dimostra grande senso civico, se la Giunta regionale procederà all’acquisto dell’immobile di Ips a Savona per 7 milioni di euro chiederò l’intervento della Corte dei Conti”.

“Siamo solidali con il personale di Arpal che in questi giorni ha diffuso una nota proclamando lo stato di agitazione dei lavoratori dell’Agenzia i quali protestano contro la gestione di Arpal da parte della Giunta regionale. Infatti mentre da una parte l’amministrazione regionale chiede di risparmiare tagliando costi, dall’altra impone di acquistare un nuovo immobile costruito dall’IPS di Savona ad un costo di 7 milioni di euro”.

Lo fa sapere il consigliere regionale del Pdl Matteo Rosso che ricorda la sua denuncia in Consiglio regionale su questa questione. L’esponente del Pdl spiega: “ sembra la stessa storia dell’immobile di Via Degola dell’Asl 3, quando la Giunta regionale voleva investire 20 milioni di euro per creare dei uffici amministrativi dell’azienda sanitaria genovese. Io credo che sempre, ma soprattutto in momenti come questi dove le risorse devono essere centellinate visto anche i tagli del Governo, bisogna essere in grado di individuare quelle che sono le priorità ed intervenire”.

“In questo caso specifico – continua il consigliere regionale – l’acquisto di questo immobile non è prioritario visto che con interventi di messa in sicurezza della sede attuale si potrebbero risparmiare un bel po’ di milioni di euro che potrebbero essere utilizzati per fini più utili alla comunità”.

“Continuerò a monitorare da vicino questa vicenda – conclude Matteo Rosso – sono fermamente convinto che la proposta dei lavoratori di Arpal sia più che di buon senso e dimostra non solo senso civico ed attaccamento all’istituzioni, ma un forte senso di responsabilità nei confronti dei cittadini. Mi auguro che la Giunta torni sui suoi passi e riveda le sue posizioni relativamente all’acquisto di questo costosissimo immobile ma se andrà avanti sarò il primo a presentare un esposto alla Corte dei Conti ”.