Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Lames, Levaggi e i sindacati sulla stessa lunghezza d’onda: “Velocizzare il trasferimento e mantenere i posti di lavoro”

Chiavari. Dopo l’incontro tra il Sindaco di Chiavari Roberto Levaggi e i sindacati, ora il trasferimento della Lames sembra più vicino. Questa mattina il Sindaco Levaggi, insieme all’Assessore all’Urbanistica ed Edilizia Pierluigi Piombo e all’Assessore all’Industria Mario Maggi, ha incontrato i rappresentati di Cgil, Cisl e Uil.

“È stato un incontro positivo perché ci ha permesso di concludere la serie di confronti che abbiamo voluto organizzare a riguardo del trasferimento Lames – spiega il Sindaco Levaggi – Dopo la proprietà, i comitati di quartiere e la Regione, l’incontro con i sindacalisti ci ha permesso di curare nel dettaglio un aspetto fondamentale del trasloco Lames: la preservazione dell’occupazione di circa 400 dipendenti che l’azienda ha nel Tigullio”.

Per l’Assessore Maggi fondamentale sarà il mantenimento del livello occupazionale. “Il nostro sforzo è per un progetto condiviso che permetta a Sampierdicanne di non vedersi caricata da un ampio numero di nuove case, ma contemporaneamente dobbiamo garantire ai dipendenti la disponibilità del Comune a permettere un’operazione sul quartiere che risulta fondamentale per la proprietà della Lames. Infatti dal nuovo insediamento si otterranno i fondi necessari per completare il trasferimento a Cicagna e quindi mantenere i posti di lavoro nel nostro comprensorio”.

La storica azienda di Chiavari, leader nel settore dell’automotive, ormai da dieci anni deve traslocare dalla cittadina rivierasca, dove ha un capannone di 100 mila mq e una pericolosa copertura in amianto. Negli ultimi tre anni l’iter ha subito un’accelerazione con l’individuazione dell’area di Quartaia a Cicagna. Poi il nuovo stallo con il primo stop arrivato dal Comune di Chiavari che, al posto della Lames, chiedeva un progetto di sviluppo verticale e non orizzontale, come inizialmente proposto dall’azienda.

Questa indicazione si è tramutata in un contestatissimo grattacielo da 17 piani, con conseguente sollevazione degli abitanti dell’area Sampierdicanne, preoccupati per le conseguenze ambientali e strutturali. A cui si è poi aggiunto il parere negativo della Sovrintendenza: il progetto è stato infatti bocciato.

Proprio sulla possibilità di trovare una maggiore condivisione sul progetto da parte dei residenti di Sampierdicanne, arriva la proposta dell’Assessore Piombo. “Vogliamo spostare la costruzione dei 31 alloggi di edilizia convenzionata che il Comune otterrà negli oneri di urbanizzazione, in altri terreni in città. Questo ci permetterà di sgravare il carico abitativo nell’area e di facilitare per Lames l’operazione richiesta dalla Soprintendenza per l’abbassamento del più alto dei palazzi previsti”.

La promessa lanciata da Levaggi è di velocizzare la pratica in modo da arrivare all’approvazione finale entro i primi di ottobre. “Sottoscriveremo un Accordo di programma e lo faremo al più presto. Entro l’autunno confido di portare la pratica in consiglio comunale. Questo passaggio ci permetterà di compiere un importante passo verso la conclusione del trasferimento Lames”.