Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Gioventù Italiana chiude simbolicamente le sedi di Pd, Pdl e Udc

Genova. Nella notte i militanti di Gioventù Italiana hanno simbolicamente chiuso le sedi locali di Pd, Pdl e Udc “sigillandone” i portoni con scotch, nastro bianco-rosso e volantini.

I tre partiti che tengono in piedi la maggioranza Monti, il 5 luglio scorso hanno votato “no” alla sfiducia parlamentare nei confronti del ministro Fornero, fautrice di una riforma del lavoro che minaccia l’Articolo 18 e lo stesso diritto al lavoro per gli italiani: “PD, PDL e UDC vogliono i licenziamenti facili? Invece sarà il popolo italiano a licenziare questi partiti, ” – recitano i volantini – “che si dimostrano ogni giorno servi delle logiche di potere che stanno affamando il popolo italiano” dichiarano i militanti di Gioventù Italiana.

“La messa in discussione dell’Articolo 18 rappresenta una grande mancanza di rispetto nei confronti di un popolo che sta già patendo fin troppo i danni di una crisi creata da banche ed alta finanza: le dichiarazioni del ministro Fornero, secondo la quale il lavoro non sarebbe più un diritto, costituiscono un’offesa alla dignità di ogni lavoratore.
Gioventù Italiana ritiene che il lavoro, oltre ad essere un diritto, rappresenti la base del futuro di una nazione, e che in quanto tale debba essere tutelato e garantito. Siamo pronti a scendere in piazza con i sindacati, andando oltre le fazioni politiche, uniti nella difesa di quello che noi non considereremo mai un mero costo di produzione, come vorrebbe insegnarci il prof. Monti, ma un diritto e un dovere sociale”.

Conclude Gandolfi: “I leader politici che sostengono questo governo (Alfano-Bersani-Casini) si rendono inevitabilmente complici di un vero e proprio massacro sociale: Gioventù Italiana ribadisce la sua posizione di contrasto a questa maggioranza e ai partiti che ne fanno parte. Non potrebbe essere diversamente, perché non staremo mai con chi per una poltrona s’è venduto ai giochi dell’alta finanza di Bruxelles, divenendo di fatto un impresentabile”.