Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Calcio, il ritorno di Simone Ameri: guiderà la Juniores del Rivasamba

Più informazioni su

Sestri Levante. Simone Ameri, il ritorno. Il giovane tecnico che aveva allenato il Rivasamba in Eccellenza, dal prossimo campionato siederà nuovamente in panchina: sempre per i colori arancioneri del club di stanza all’Andersen di Sestri Levante, ma alla guida della Juniores, che parteciperà al torneo regionale.

Per Ameri, che è stato sempre in prima squadra fra Moneglia in Promozione, Rivasamba in Eccellenza (prima da vice allenatore, poi da tecnico), è il debutto nel calcio dei giovani. “Per me, significa provare una nuova esperienza perché non ho mai allenato una Juniores – afferma Simone Ameri -. Innanzitutto, è bellissimo sapere di essere nuovamente in prima linea”. Una vittoria personale per Ameri che, suo malgrado, era rimasto coinvolto in una brutta vicenda calcistica che lo aveva portato alla diffida ad allenare, da parte della Procura Federale che aveva chiesto 2 anni di squalifica per il giovane tecnico. Il motivo? Responsabilità oggettiva perché ha preso parte ad un incontro amichevole, organizzato per squadre professionistiche, al quale hanno partecipato giocatori in età Juniores, provenienti da tutta Italia e dall’estero, che erano privi del nulla-osta delle rispettive società.

“Secondo la Procura Federale, avrei dovuto vigilare sulla provenienza di questi giocatori – spiega Ameri – ma io avevo partecipato a questa partita solo in veste di allenatore della squadra che affrontava questa rappresentativa di giocatori in prova”. Dopo due anni, la Procura Federale ha assolto Simone Ameri e condannato chi, invece, aveva fattivamente organizzato quella partita amichevole.

“L’importante, come detto, è poter tornare in panchina e sulla panchina del Rivasamba, che mi ha affidato la Juniores regionale – conclude Ameri -. Il calcio si sta ridimensionando e penso che possa essere anche un bene. Il calcio, soprattutto, quello giovanile, è uno sport, bisognerebbe interpretarlo come tale”.