Terremoto, musica e solidarietà: arriva Genova Rock per l’Emilia

genova rock

Genova. Dopo il terremoto che ha colpito l’Emilia nel mese di giugno 2012, si è immediatamente attivata la macchina dei soccorsi: anche Genova vuole dare il suo contributo concreto alle popolazioni che hanno subito i danni del sisma e lo fa attraverso la musica.

Genova Rock, un progetto nato dall’idea del fotografo Giorgio Nasso con la collaborazione del presentatore Carlo Barbero, per supportare le band che si muovono all’interno del circuito live del capoluogo ligure, ha ideato il festival Genova Rock per l’Emilia.

La rassegna musicale partirà mercoledì 27 giugno e toccherà, fino a venerdì 6 luglio, numerosi locali genovesi tra i quali il live club Zio Erasmo Utri Beach, Angelo Azzurro Club, Mare di Note e il pub artistico Rock n Arts.

Sui palchi dei locali si alterneranno ben ventiquattro, tra gruppi e cantanti solisti provenienti da tutta la Liguria, dal Piemonte, dalla Lombardia e dall’Emilia, che si esibiranno rigorosamente dal vivo passando dal rock, all’ heavy metal, al punk per arrivare fino alle sonorità acustiche.

La tariffa d’ingresso alle serate sarà di 5 euro, ma trattandosi di un evento di beneficenza, tutte le offerte del pubblico saranno ben accette. L’intero ricavato degli spettacoli verrà devoluto alla Fondazione Scuola di Musica Carlo e Guglielmo Andreoli di Mirandola, in provincia di Modena, che istituirà, grazie agli aiuti genovesi, dei fondi per permettere ai suoi allievi di poter frequentare i corsi nonostante le difficoltà logistiche che si sono venute a creare dopo il terremoto.

Più informazioni

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.