Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Suq, week end conclusivo: ospiti e spettacoli in attesa del gran finale con “Cous cous, pesto e mandolino”

Genova. Dopo il grande successo di pubblico nella giornata mondiale del rifugiato, il Suq Festival delle culture si avvia verso il week end conclusivo con un ricco programma di incontri, teatro e la prima nazionale dello spettacolo “Cous cous, pesto e mandolino”.

Dal bilancio finale ci si aspetta di superare il record di presenze dello scorso anno (65 milavisitatori).

Venerdì 22 giornata dedicata all’ambiente e alla sostenibilità a cura di COOP Liguria e del Gruppo Volontariato Civile, con “AcquaDOTTI”, alle 17, un percorso ludico-creativo sul valore dell’acqua, bene comune dell’umanità, e alle 18 con l’incontro “Consumare sostenibile, tra ambiente e solidarietà”, con Mauro Bruzzone, Vice Presidente COOP Liguria e Luigi Seghezzo, Direttore Gruppo Volontariato Civile.

Alle 19, appuntamento con le Officine Gastronomiche di Chef Kumalé che parlerà della cultura andina dei tuberi e che dimostrerà come cucinare le Papas à la Huancaina del Perù. Alla stessa ora, nella tenda mongola yurta, si svolgerà l’incontro sulla poesia ligure all’inizio del XXI secolo “Il passaggio di Enea”, con Rossella Maiore Tamponi, Luciano Neri, Claudio Pozzani e Gianni Priano.

Gli strumenti tradizionali e le tecniche vocali dell’Asia Centrale saranno protagonisti della serata con il concerto, alle 21.30, degli Egschiglen, ambasciatori musicali della Mongolia, che con il loro virtuosismo trasmetteranno musicalmente l’armonia della propria cultura. Con Migdorj Tumenbayar, canto, violino; Yanlav Tumursaikhan, canto e violino; Amartuwshin Baasandorj, canto e liuto; Uuganbaatar Tsend-Ochir, basso mongoliano; Sarangerel Tserevsamba, canto, dulcimer e joochin, Ariunaa Tserendavaa, danza.

Sabato 23 alle 19, l’ultimo appuntamento con le Officine Gastronomiche di Chef Kumalé che porterà in tavola le contaminazioni nel mondo delle semole con i tipici piatti del Medioriente, Tabboulé e Tabboula.
Sempre alle 19, nella tenda yurta, ultimo incontro anche per la rassegna “Il passaggio di Enea” al quale parteciperà il poeta della rivoluzione tunisina Mohammed Sgaier Awlad Ahmad, il poeta Giuseppe Conte, Massimo Dagnino, Lamberto Garzia e Riccardo Olivieri.

Alle 21, il poeta della rivolta in Tunisia, Mohammed Sgaier Awlad Ahmad, reciterà le sue poesie ed incontrerà il poeta Giuseppe Conte. Condurrà l’incontro Renato Tortarolo, caporedattore cultura e spettacoli del Secolo XIX.

Alle 22 la seconda edizione del Premio Agorà Med: il Premio per il dialogo interculturale tra le due sponde, promosso da Osservatorio del Mediterraneo e Suq Festival, quest’anno premierà Younis Tawfik e Marco Turco per il libro e il film La straniera. A consegnare i Premi saranno Carla Sibilla, Assessore Cultura e Turismo Comune di Genova e Alessandro Repetto. Il film sarà proiettato al Genova Film Festival.

Con un concerto che porterà i ritmi e le melodie del Nord Africa e un mix di origini e culture, sarà ospite al Suq alle 22.30, Sakina Al Azami, una delle più raffinate voci del Marocco, vincitrice di importanti premi grazie all’originalità delle sue interpretazioni di quelli che sono i repertori della tradizione Arabo-Andalusa e delle scuole orientali. Con Bouchaib Amer, nay e kawala, Abdelkbir Bahlaoui, violino; Redouane Sfiha, oud; Yassin Mahi, percussioni; Khalid Zarou, tastiera, Mostafa Moulmen, batteria.

Chiuderà la serata, alle 24, l’appuntamento con i “Notturni in Yurta”, musiche e letture intorno a Conversazioni notturne a Gerusalemme di Carlo Maria Martini e Georg Sporschill, a cura di Giacomo D’Alessandro, esperto di Comunicazione Interculturale.

Domenica 24, ultimo giorno del Suq, la serata inizia alle 18 con l’appuntamento con Stefano Bigazzi, giornalista di Repubblica, che presenterà il suo nuovo libro “Cous cous e altri racconti”, in compagnia di Chef Kumalé.

Alle 20 si svolgerà la consegna dei premi ai soci Suq vincitori. In palio: due voli andata e ritorno da Genova verso una destinazione a scelta della Compagnia Turkish Airlines; 2 voli A/R da Milano a Tunisi della Tunisair; Soggiorni, Trattamenti termali, Libri e Guide di Viaggio. Altri premi in palio offerti da Ente Nazionale Tunisino per il Turismo, Terme di Genova, Neos. A consegnare i premi ai vincitori sarà Angelo Berlangieri, assessore al Turismo e alla Cultura della Regione Liguria.

La serata continuerà all’insegna della musica spagnola e ecuadoriana alle 21, con Julio Almeida il chitarrista premiato a livello internazionale, classificato dalla rivista Americas di Washington come la “stella del mondo della chitarra classica”.

A chiudere ufficialmente il Suq sarà infine la prima nazionale di “Cous cous, pesto e mandolino”, alle ore 22, uno spettacolo musicale della Compagnia del Suq, speziato e gustoso con un finale saporito, ideato e interpretato da Carla Peirolero, Chef Kumalé e con La Rionda: Laura Parodi, voce; Roberto Bagnasco, mandolino, violino, mandola; Giuseppe Laruccia, clarinetti, flauti diritti, voce; Edoardo Lattes, contrabbasso; Claudio Rolandi, fisarmonica.

In questi 12 giorni di Festival, accanto alle proposte di spettacoli internazionali, incontri letterari, dibattiti e laboratori, il pubblico ha potuto vivere il mercato multietnico con oltre 40 botteghe di artigianato dal mondo, e assaggiare le specialità di 15 cucine etniche diverse.