Spending review, Silp Cgil: "Genova non può permettersi altri taglia ai presidi di sicurezza" - Genova 24
Cronaca

Spending review, Silp Cgil: “Genova non può permettersi altri taglia ai presidi di sicurezza”

Roberto Traverso, segretario Silp Cgil

“La chiusura di presidi di sicurezza e legalità sul territorio sono inaccettabili”. E’ il grido d’allarme lanciato dal Silp Genova che anche a livello nazionale “ha ribadito con forza al Ministro Cancellieri la quale recentemente ha dato qualche segnale rassicurante di apertura verso un positivo cambio di rotta”.

“A Genova – scrive il segretario, Roberto Traverso – siamo preoccupati perché la nuova guida della questura non si distingue certo per scelte coraggiose a favore della sicurezza dei cittadini e che pertanto  non perderebbe un minuto a rispondere agli ordini di scuderia ministeriali.

Direttive di ridimensionamento  che arrivano da quel Dipartimento della Pubblica Sicurezza che proprio in questi giorni ha trasferito (senza reintegro) altri 6 (sei) sottufficiali in forza alla Questura di Genova, indebolendone ancora di più l’organico. (-35% rispetto alle piante organiche previste nel 1989). 
Da tempo sono stati abbandonati i Commissariati..una scelta che sembra calcolata , per avallare eventuali futuri accorpamenti.  In particolare è noto nell’ambiente  che da molto si vocifera della chiusura di “Nervi” oppure degli accorpamenti di “Chiavari” e “Rapallo” , di ” Prè” con “Centro” e di “Sestri” con “Cornigliano”.

Intanto la Questura di Genova non ha perso tempo eliminando e ridimensionando i presidi di Polizia presso gli ospedali di Sampierdarena, Lavagna, San Martino.
È necessario che il Governo, oltre a ravvedersi al più presto sulla scelta di allungare a 63 anni l’operatività dei lavoratori del Comparto Sicurezza, dimostri concretamente di cambiare linea su scelte ragionieristiche che infliggerebbero un duro colpo anche alle Specialità della Polizia di Stato della nostra regione, in particolare con il taglio delle Sezioni provinciali della Polizia Postale (competente tra l’altro di combattere reati odiosi come quelli legati alla pedopornografia), per non parlare dei ridimensionamenti che potrebbero colpire la Polizia Stradale (ricordiamo che recentemente la professionalità del  Distaccamento di Chiavari è stata  sottratta alla viabilità ordinaria sull’Aurelia) e la  Polfer (anche in questo caso da tempo si parla di ridimensionamenti sul territorio)”.