San Martino-Ist, Chiesa: "Manca la volontà di voler assumere dalla graduatoria 2009” - Genova 24

San Martino-Ist, Chiesa: “Manca la volontà di voler assumere dalla graduatoria 2009”

ist san martino

Regione. I consiglieri regionali Ezio Chiesa (Liguria Viva) e Stefano Quaini (Italia del Valori) hanno presentato oggi una interrogazione urgente all’assessore alla Salute Claudio Montaldo per fare il punto circa l’ avviso di mobilità regionale predisposto lo scorso anno da IRCCS Azienda Ospedaliera Universitaria San Martino – IST per la copertura di n. 5 posti di assistente amministrativo – categoria “C” con funzioni di data manager.
Avviso di mobilità avviato nonostante nel gennaio 2009 la direzione dell’IST avesse proceduto all’effettuazione di analogo avviso pubblico, per titoli ed esami, per la copertura di n. 6 posti di assistente amministrativo sempre per la categoria C.

A seguito di quanto sopra, nel giugno 2009 veniva approvata apposita graduatoria dando luogo allo scorrimento ed utilizzo dell’intera selezione (i primi 6 classificati ed altri 11 candidati utilmente collocati) per fare fronte alle carenze d’organico specifico alle quali si era fino ad allora posto rimedio anche con il ricorso all’acquisto di lavoro interinale da Agenzie per il Lavoro Temporaneo, di volta in volta individuate a seguito di procedure di gara.
Chiesa e Quaini ricordano che alcuni dei dipendenti in questione, pur non avendo maturato l’anzianità prevista dalle normative relativa al diritto di partecipare a tale bando, non contestato dagli uffici dell’assessorato alla Salute, al momento della maturazione dei tre anni di anzianità anche non continuativa, in virtù delle leggi regionali in vigore, automaticamente hanno acquisito il diritto.

Nonostante questo l’IRCSS Azienda Ospedaliera Universitaria San Martino – IST ha deciso di non attingere dalla graduatoria in essere, ma nel mese di dicembre 2011 ha disposto l’ avviso di mobilità regionale ed interregionale per la copertura di cinque posti di assistente amministrativo categoria C che di fatto rappresenta un doppione con l’avviso pubblico del 2009.

Il fatto era già stato sollevato da Chiesa con una precedente interrogazione. In risposta l’assessore Montaldo affermava che la nuova procedura di mobilità era stata fatta da IRCCS al fine di individuare la figura del “data manager” precisando che il personale in questione deve possedere specifiche professionalità e competenze, presenti in numero insufficiente fra il personale attualmente in servizio.

Parere opinabile in quanto l’avviso pubblico predisposto a suo tempo dall’IST (2009) e l’avviso di mobilità regionale deliberato da IRCSS Azienda Ospedaliera Universitaria San Martino – IST (2011) sono entrambi riservati a personale amministrativo di categoria “C” e rappresentano pertanto un evidente doppione in quanto il nuovo bando non indicata particolari requisiti al fine di individuare la figura del “Data Manager”.

Al riguardo i titoli richiesti nel bando del 2011 parlano chiaro: essere dipendenti a tempo indeterminato delle pubbliche amministrazioni, di cui all’art. 1 – comma 2 del D. Lgs. 165/2001 e s.m.i. con inquadramento nella qualifica di assistente amministrativo – ctg. “C”; aver superato il periodo di prova; avere la piena idoneità fisica al posto da ricoprire senza alcuna limitazione e non avere in pendenza istanze tendenti ad ottenere una inidoneità, seppur parziale; non avere subito nell’ultimo biennio antecedente alla data di pubblicazione del presente avviso condanne penali e provvedimenti disciplinari definitivi superiori alla censura scritta.

A fronte di quanto sopra esposto, pare pertanto evidente la volontà di non voler attingere alla precedente graduatoria, mettendo così a rischio il posto di lavoro di diverse persone.

Chiesa e Quaini chiedono pertanto a Montaldo di sapere per quali motivi il direttore generale del dipartimento Salute e servizi Regione Liguria ha concesso la possibilità con deroga a IRCCS di indire l’avviso di mobilità regionale senza procedere all’inquadramento del personale presente nella graduatoria IST dotato di qualifica equipollente e pertanto con requisiti compatibili con la figura del “Data Manager”.