S. Margherita e la querelle sul regolamento acusitco, De Marchi: "Sto dalla parte di commercianti e giovani" - Genova 24
Cronaca

S. Margherita e la querelle sul regolamento acusitco, De Marchi: “Sto dalla parte di commercianti e giovani”

roberto de marchi

Santa Margherita. “Trovo singolare che l’amministrazione comunale si trovi sempre sola a difendere il tessuto commerciale”. Così il Sindaco Roberto De Marchi si esprime a margine della querelle sul regolamento acustico, prossimo al passaggio in consiglio comunale, che disciplina la movida con orari più larghi rispetto al passato per attività musicali e d’intrattenimento (max 65 db dalla domenica al giovedì fino alle 00.30, il venerdì e il sabato fino all’ 1.30).

“Che non è un argomento isolato, ma solo l’ultima di una lunga serie di interventi: penso alla riduzione della tariffa dei plateatici, corredata da norme di semplificazione burocratica e approvata a semplice maggioranza; penso all’organizzazione delle Notti Bianche, che nonostante il loro successo trovano nella minoranza e in altri settori della città oppositori più o meno conclamati; penso anche all’occupazione di suolo pubblico nella passeggiata di Corte dove oggi fanno bella mostra di sé i tavolini dei ristoranti, che lungi dall’ostruire il camminamento rappresentano un’opportunità per cittadini, ospiti e turisti di vivere appieno questo splendido squarcio di città; penso anche, per quanto riguarda il piano demaniale, alla mancanza di coesione sul tema delle spiagge libere attrezzate e delle condizioni in cui devono operare questi imprenditori”.

Per il Sindaco, “a Santa Margherita c’è chi, soprattutto tra l’opposizione, cade vittima di un’acredine ingiustificata verso chi investe, lavora e guadagna. Vige il pregiudizio secondo cui l’amministrazione dovrebbe essere un ostacolo per gli imprenditori, e non un fattore propulsivo della crescita economica e dell’occupazione. E questo schema mentale convive, contraddittoriamente, con la richiesta di nuove politiche turistiche, che alla prova dei fatti solo la maggioranza elabora e sostiene. Non solo con le misure sopraccitate ma anche con il nuovo portale turistico, con l’aumento esponenziale delle navi da crociera, col tentativo di dotare la città di sempre maggiori servizi e occasioni d’intrattenimento”.

Sul tema dell’esuberanza giovanile, infine, il Sindaco ritiene che “i problemi non devono essere aggirati, ma affrontati con serenità e consapevolezza. Vivere in una città a misura di anziano significa condannare a morte Santa Margherita. Vedo troppa superficialità in chi pensa di poter fare a meno dei giovani, non solo perché rinunciare a loro significa rinunciare alle loro famiglie, ma anche perché solo da loro, dai loro bisogni e dalle loro energie possono provenire risposte concrete alla crisi. I giovani sono e devono essere considerati parte integrante e fondamentale della nostra città”.