Legge depuratori, Fds e Sel: "La norma va applicata, i Comuni inadempienti non possono costruire" - Genova 24

Legge depuratori, Fds e Sel: “La norma va applicata, i Comuni inadempienti non possono costruire”

rossi conti benzi

Regione. “Far applicare le direttive della legge 4/2012 che prevedono il divieto di costruire nei Comuni con depurazione delle acque fuori legge”, è quanto chiederà domani in consiglio regionale Giacomo Conti, FdS, con un’interrogazione apposita, firmata anche da Alessandro Benzi, capogruppo di Federazione delle Sinistra e Matteo Rossi, capogruppo di Sinistra Ecologia e libertà.

Il Consiglio regionale con la legge 4/2012 ha adottato un norma urgente per contenere il carico inquinante degli scarichi delle acque reflue nei Comuni inadempienti rispetto alle direttive comunitarie.

“Una norma chiara per la salvaguardia del territorio – spiegano i consiglieri Conti, Benzi e Rossi – per limitare i danni ambientali causati dai comuni fuorilegge, che subordina eventuali nuovi interventi urbanistici al funzionamento del servizio fognario depurativo.

A queste norme – afferma Conti – si oppongono alcune dei sindaci dei Comuni inadempienti, a partire da Recco che chiede di poter realizzar nuove lottizzazioni edilizie. Le proteste sono davvero incomprensibili – conclude Conti – Non comprendo neppure le titubanze del dirigente del dipartimento dell’Ambiente che continua ad allargare le maglie nelle note interpretative inviate ai Comuni. Mi sarei aspettato una maggior determinazione da parte dei sindaci e da parte degli uffici regionali per far applicare la norma: fare i depuratori dove mancano e non studiare come aggirare la legge, appena votata, per consentire le nuove edificazioni”.