Laigueglia, jazz e percussioni contro la crisi: torna l'imperdibile Percfest - Genova 24

Laigueglia, jazz e percussioni contro la crisi: torna l’imperdibile Percfest

Laigueglia. Torna il PercFest, l’ imperdibile festival europeo del jazz e delle percussioni che animerà Laigueglia dal 12 al 17 giugno.

“Il PercFest è alla vigilia della maggiore età: per i 17 anni faremo pazzie anche perché con i 18 anni dovremo diventare ‘maturi’” scherza Rosario Bonaccorso, organizzatore del festival.

“Centoventi incontri in sei giorni sono già di per sé un’impresa pazzia – continua Bonaccorso – Vivremo momenti indimenticabili a stretto contatto con grandi artisti, attraverso spettacoli gratuiti, dalle 9 fino alle 2,30 di notte. Questa è un’esperienza musicale unica in Liguria e una rarità in Italia. Non solo si potrà accedere senza pagare a performance di livello altissimo ma si potrà partecipare anche a tutta una serie di corsi propedeutici: dalla ginnastica a bordo mare con famosi batteristi a ‘stage’ di percussioni, corsi di danza medio orientale, di musica popolare e canto”.

“Percfest vuol dire Laigueglia: siamo riusciti a trovare un’intesa con gli abitanti di questo borgo marinaro solitamente molto tranquillo. Ci siamo integrati perfettamente entrando in punta di piedi e conquistando i cittadini. Inizieremo la festa con Tullio De Piscopo e sette minuti di musica con tanto di fuochi d’artificio per poi concluderla con Sergio Cammariere: ma nel mezzo sono previsti altri maestri di fama internazionale. Per sapere tutto www.percfest.com” conclude l’organizzatore dell’evento.

“Investire su iniziative di qualità è fonadmentale per una cittadina turistica come la nostra e che deve essere attrattiva nonostante la crisi che, spesso, taglia le gambe – aggiunge l’assessore al Turismo di Laigueglia, Roberto Cornelli – Il PercFest, insieme allo sbarco dei Saraceni, a ‘Queste piazza davanti al mare’ e alla fiera di San Matteo sono gli appuntamenti clou della nostra stagione estiva. Poi ci sono una serie di manifestazioni ‘minori’ già nella settimana successiva del Festival, come una 7 giorni dedicata alle tradizioni laiguegliesi. Purtroppo a livello di presenze turistiche la crisi si fa sentire, ma speriamo che vada meglio nei prossimi mesi”.

Più informazioni