Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Genova incontra la Cina, prosegue il Suq: oggi la prima rassegna di cultura e tradizione cinese

Più informazioni su

Genova. Dopo il successo delle prime due serate, prosegue il Festival Suq al Porto Antico di Genova. Anche quello di oggi è un programma molto ricco, che prenderà il via alle 18 con Genova incontra la Cina, per la prima volta al Suq una rassegna di cultura e tradizione cinese con recitazione di poesie antiche cinesi, alle esibizioni di Jeet Kune Do, rap cinese, interventi, degustazione di the, esposizione di prodotti artigianali tipici e di libri in lingua cinese disponibili per il prestito in collaborazione con Biblioteca Berio, Li Wei, Associazione Studenti e Studiosi Cinesi a Genova.

Alle 19 invece, parte la prima delle 6 officine gastronomiche multietniche (tutti i venerdì, sabato e domenica) di Chef Kumalé, il gastronomade più celebre d’Italia, che dimostrerà come preparare il Gaspacho spagnolo: squisita zuppa fredda di verdure da bere e rimedio naturale contro l’arsura. Sotto il tendone di Porto Antico, altre alle specialità della cucina araba, ghanense, haitiana, indonesiana, indiano-pakistana, keniota, ligure, marocchina, senegalese, sud-americana, tunisina, messicana, per la prima volta al Suq, il ristorante di Chef Kumalé, Chez Kumalé.

Alle 20 si svolgerà l’inaugurazione della tenda yurta, novità assoluta di questa edizione: nell’originale spazio della tenda usata dalle popolazioni nomadi dell’Asia, avrà luogo una serie di iniziative “eco”, a cura anche di Fondazione Muvita, che si occupa di divulgazione scientifica e culturale in tema di ambiente, energia e sviluppo sostenibile e che festeggia i suoi dieci anni di vita al SUQ.

A chiudere la serata, in collaborazione con il Convegno SPeRA, saranno infine, alle 21.30, le danze e i ritmi travolgenti di African Griot, il gruppo fondato dal percussionista senegalese Balla Nar N’Diaye Rose che si ispira alla tradizione dei Griot, cantastorie, messaggeri musicale tribale di grande rilevanza culturale. Il gruppo è formato da Balla, percussioni, djembè e canto, Alessandro, percussioni, balano e canto, Ablay, percussioni, sabar e canto, Cheikh, dum dum bassi e canto; Paco dum dum e canto; Oumar, kora e canto; Moussa, tama, danza e canto; Oumar, danza e canto.