Quantcast

Finale playoff Sampdoria, i tifosi suonano la carica: “Stasera pronti a lottare come non mai”

Genova. Un po’ allenatori e un po’ sull’orlo di una crisi da adrenalina pura. Sono i tifosi della Sampdoria, a cinque ore dal big match con il Varese, che stasera, nel porto sicuro di Marassi, vedrà i blucerchiati tentare la scalata alla serie A. Il fischio d’inizio alle 20.45 darà il via alla finale di andata dei play off, una meta raggiunta da una Sampdoria rinata e pronta a lottare per tornare nell’olimpo delle grandi, nel massimo campionato.

E se “Varese-Inter non si può sentire”, scrivono i tifosi in Rete per esorcizzare lo spettro della beffa-esclusione all’ultimo minuto, la paura mascherata da scaramanzia sotto sotto c’è, anche se il mood blucerchiato è di per sé euforico, con un tam tam che in rete suona la carica.

“Ora tutti ripensate al rigore parato da Da Costa. Ora pensate ai fischi poco prima che venisse calciato. E ora all’esplosione…Quel rigore lo abbiam parato noi, nessuno me lo toglierà dalla testa. E allora….spingiamola noi verso la vittoria!!”, si legge sul sito gradinatasud.it. E ancora: “Altro che fine del mondo…stasera saremo pronti a lottare come non mai!! Carichi???????? ;)”, a cui fa eco l’urlo di Alberto: “Ore 20:45…scateniamo l’inferno…Dai Doria”.

A metà tra scaramanzia e ironia arriva un altro commento: “Penso che mi ‘affitterò’ un cardiologo da mettere accanto a me sul divano per queste 2 partite…..”.
Ma i toni diventano d’improvviso fanno seri, ricordando le statistiche poco amiche: “Abbiamo perso entrambi gli scontri col Varese, ma all’andata eravamo una squadra allo sbando, e al ritorno c’era la Samp B…. In più patiscono gli stadi bollenti”.

Non manca qualche nota polemica: “Preso il biglietto, ma sono convinto che la vendita per i biglietti per la corsa degli yak in zimbawe sia meglio gestita”.

E il tifoso allenatore: “Bisogna chiuderla subito, le possibilità ci sono e togliere la possibilità di provarci al Varese (che in questo momento corre tantissimo) sarebbe vitale”.

Se ,poi, a quanto sembra dovesse tornare Romero…”Da Costa merita tutto il rispetto ma è diffidato…e Romero, bhè è il nostro muro e sarà titolare contro il Varese. Sinceramente, questa non è una lotta tra chi è più bravo o chi merita di più….l’obiettivo è vincere sta caxxo di finale”.

Ma c’è anche il dramma nel dramma: “per me, genovese e sampdoriano che vive a Varese, è un finale di campionato da thriller. Qua tutti pregustano già la serie A dicendo che ci hanno già battuti due volte. Non credo di riuscire a reggere la tensione..”

Infine il riassunto di due anni in poche righe: Preliminari, Supplementari, Rosenberg, Cassano, Riccardo Garrone, Gasparin, Di Carlo vattene, Maccarone, Macheda, Perticone,Pazzini, Biabany,7 milioni, Guastoni, Edoardo Garrone ,corde tese, Cavasin, “Sono un Fenomeno”, Curci, Derby, Boselli, Milanetto, Palermo, Retrocessione, Rifondazione, Ripescaggio, VicePresidenteVicario, Sabatini, Sensibile, Atzori, Bertani, Piovaccari, Romero, Poli, Bentivoglio, “Finale a Roma”, ”Tutti a Gubbio”, Nocera, Aeroporto, Atzori vattene, Sau, Rivoluzione, Iachini, Dirimpettai, Capitano, Palombo, Inter, Corioni, Guastoni Vattene, Eder, Rincorsa, Padova, Pozzi, Rimonta, Playoff, Sesto posto, Scommesse, Sassuolo, Terremoto, Varese…

“Stasera – scrive l’admin del gruppo Facebook Sempre con te Doria – quando scenderete in campo, sappiate che non affronterete solo 11 giocatori con la maglia Blucerchiata, ma affronterete 30 mila persone che hanno vissuto tutto questo, e hanno come unico scopo quello di battervi. Li sentirete nel tunnel degli spogliatoi quando il loro boato vi farà tremare le gambe, li sentirete come fiato sul collo ogni volta che toccherete un pallone, sentirete addosso per 90 minuti la rabbia e la voglia di rivalsa di chi si trova in un posto che non gli compete e non gli sta’ affatto bene rimanerci ancora. A noi non importa se per voi è la partita della vita e se mancate dalla serie A da 37 anni, sinceramente, non ce ne frega proprio niente. Siamo la Sampdoria. Noi vogliamo tornare in A”.