Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Feste di Luglio, una tre giorni esplosiva per il palio pirotecnico nazionale di Rapallo

Rapallo. Fuochi di fede e di passione animeranno un inizio settimana “di fuoco” a Rapallo, quando da domenica 1 a martedì 3 luglio tornerà l’appuntamento con le Feste di Luglio, in onore della Madonna di Montallegro, che ospitano il tradizionale palio pirotecnico nazionale curato dai massari dai sei sestieri cittadini con migliaia di bombe dai fumi multicolori lanciate di giorno e di notte dalle chiatte in mare e da terra.

Le Feste di Luglio si apriranno con l’esposizione nella basilica dei santi Gervasio e Protasio dell’Arca della Madonna e proseguiranno con le tradizionali sparate di antichi mortaletti, con i fuochi, i lumini in mare, le processioni e gli antichissimi riti religiosi con l’icona consegnata dalla Vergine al contadino Giovanni Chighizola il 2 luglio 1557, 445 anni fa.

La tre giorni pirotecnica è organizzata dai Sestieri rapallesi di Borzoli, Cerisola, Cappelletta, Costaguta, San Michele, Seglio, con il comune e l’ Ascom e il patrocinio della Regione Liguria.

I fuochi artificiali, che richiameranno a Rapallo decine di migliaia di appassionati anche da fuori Liguria e dall’estero, coinvolgendo locali, negozi, ristoranti, alberghi, sono allestiti dai maestri pirotecnici di sei aziende di Campania, Sicilia, Puglia e Liguria e aprono, di fatto, la lunga estate pirotecnica di tante località del territorio promossa dal sito web “Le città liguri dei fuochi” realizzato dalla Regione e dall’Agenzia turistica “In Liguria”.

Ecco, in sintesi, il programma della tre-giorni con una decina di spettacoli pirotecnici, di cui due in pieno giorno, oltre alle innumerevoli sparate a terra e all’“incendio” dell’antico castello sul mare.

Domenica 1 luglio, alle 8, saluto dei Sestieri alla Madonna con gli antichi mortaletti liguri e dai grandi pontoni ormeggiati nel golfo sono in programma due spettacoli, uno diurno, e quelli serali alle 23, allestiti dalle ditte Giuseppe Catapano, di Ottaviano (Napoli) per il Sestiere Borzoli e Bartolomeo Bruscella Fireworks, di Modugno ( Bari) per Costaguta.

Lunedì 2 luglio, alle 12, grande sparata del Panegirico con migliaia di mortaletti sul lungomare curata dal sestiere San Michele e spettacolo pirotecnico a giorno della ditta Ugo Lieto Fireworks di Visciano (Napoli).
In serata , alle 22,45, saluto dei Sestieri e alle 23 i fuochi artificiali dei pirotecnici La Rosa Fireworks di Bagheria (Palermo) per Cerisola e Pirotecnica Tigullio di Rapallo per Cappelletta.

Martedì 3 luglio , alle 22, saluto con le sparate del mortaletto ligure al passaggio della processione con gli antichi Cristi e dell’Arca Argentea sul lungomare Vittorio Veneto.
Alle 22,15, sparata dei ragazzi e spettacolo pirotecnico dalla chiatta del sestiere Borzoli con l’“incendio” dell’antico castello sul mare a cura dell’azienda BLB Fireworks di Benito Bruno Liccardo e con il fuochista “recchelino” Carlo “Charlie” Ferreccio.
Alle 23,30, ancora fuochi artificiali con Ugo Lieto Fireworks di Visciano (Napoli) per il sestiere San Michele e Pirotecnica Vesuvio di Ercolano (Napoli) per il sestiere Seglio. Costaguta. Prima dei fuochi artificiali, il rituale dei “reciammi”, con le sparate dei sestieri.