Eni, a Genova rottura delle trattative tra sindacati e azienda: "Il rischio è che non rimanga nulla" - Genova 24
Economia

Eni, a Genova rottura delle trattative tra sindacati e azienda: “Il rischio è che non rimanga nulla”

Genova. Nel capoluogo ligure è rottura delle trattative tra sindacati ed Eni. Situazione che ha portato alla convocazione di un’assemblea pubblica, che si è svolta stamattina in piazza della Vittoria.

“L’incontro di ieri in fase di raffreddamento non ha portato a nulla, pertanto abbiamo convocato tutti e non avendo le 48 ore necessarie per la convocazione nei locali, abbiamo indetto l’assemblea qui in piazza – spiega Elisabetta Colli, segretario provinciale Uilcem – anche la cittadinanza, così, si potrà rendere conto di quanto succede in Eni”

Quello che i sindacati vogliono ottenere prima di tutto sono il recupero delle relazioni e la gestione dei problemi, cercando di consolidare quello che attualmente esiste. A rischio, infatti, c’è tutto il comparto petrolifero, composto da un migliaio di lavoratori in totale. “Il problema non investe solo la sede, ma tutti, personale diretto e indiretto – spiega Marco Granara, segretario Femca Csil – una duplice criticità, sia di relazioni che di cessazione dell’organico. A rischio c’è tutto il comparto, perché Eni per non far scoppiare il caso non ridimensiona tutto in una sola volta, ma piano piano continua a smembrare. La paura, in conclusione, è che nel lungo periodo non rimanga nulla”.

Una situazione critica, quindi, che vede l’impegno di tutti. “E’ la prima volta in Eni che ci troviamo a fare la procedura di raffreddamento davanti al Prefetto. Ma questo succede perché non esistono più le relazioni sindacali, ormai ridotte a mere comunicazioni – dichiara Antonio Griffi, segretario Filctem Cgil – Le riduzioni di organico sul polo ci vengono comunicate senza possibilità di trattativa ed Eni, come al solito, non farà una chiusura in una sola volta, ma smembrerà piano piano”.

Più informazioni