Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Diritto allo studio, Rossetti: “Aumento delle tasse deciso dal Governo, applicate tariffe minime”

Più informazioni su

Regione. “Oggi siamo stati costretti ad approvare una norma decisa dal Governo sull’aumento delle tasse per il diritto allo studio universitario, a seguito della pubblicazione di un decreto da parte dell’esecutivo che prevede l’adeguamento, entro il 30 giugno, delle regioni”. Lo ha spiegato questa mattina, a margine del consiglio regionale l’assessore al bilancio e alla formazione Pippo Rossetti.

“La norma è stata approvata applicando le tariffe minime – ha detto Rossetti – se non l’avessimo fatto sarebbero scattate tasse più alte”. Chi pagava fino ad oggi 70 euro all’anno per le tasse universitarie, perché dichiarava un reddito Isee fino a 13.000 euro, da oggi in poi ne pagherà 120, coloro che invece pagavano 135 euro con un reddito Isee oltre 30.000 euro l’anno, ne pagheranno 160. Per i redditi Isee dai 13.000 ai 30.000 euro l’anno si pagherà 140 euro di tasse, mentre prima gli universitari dell’ateneo ligure pagavano meno.

“Si tratta – ha spiegato Rossetti – di aumenti poco accettabili, ma obbligati dal decreto che noi abbiamo mitigato applicando le tariffe minime ed evitando che tutti avessero un aumento di 140 euro, a prescindere dal reddito familiare”. Così facendo verrà aumentato il fondo per il diritto allo studio che passerà dagli attuali 4 milioni di euro circa a circa 5 milioni di euro e dal prossimo anno accademico l’ente regionale per il diritto allo studio sarà in grado di erogare più borse di studio. E sempre sul fronte del diritto allo studio approvata oggi una norma che assegna le borse di studio ai ragazzi in affido familiare e agli alunni non residenti, figli delle forze dell’ordine e dei Vigili del Fuoco che operano in Liguria.