Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Di nuovo chiuso il poligono di tiro, Silp: “Dove sono i 50 mila euro per la sua ristrutturazione?”

Genova. Il poligono della Questura di Genova, utilizzato per l’aggiornamento professionale di TUTTA la Polizia di Stato della Provincia è chiuso da settembre 2011. Non è la prima volta che la struttura resta inutilizzata.

Il Silp qualche anno fa ha cercato di far chiarezza su come sono stati utilizzati i 50 mila euro stanziati per la sua ristrutturazione, ma il nostro sindacato è stato fermato dalla giustizia amministrativa, visto che il TAR ed in appello il Consiglio di Stato, non ci hanno consentito l’accesso alla documentazione per capire come mai, malgrado il cospicuo stanziamento, il poligono non veniva utilizzato.
Avremmo dovuto seguire il suggerimento contenuto nel dispositivo del Consiglio di Stato ovvero quello di rivolgerci alla Procura della Repubblica… e a questo punto non escludiamo di farlo.

Da settembre 2011 i poliziotti genovesi sono stati ospitati presso il poligono del Comando Generale ma recentemente, seppur garbatamente, il Questore e tutte le Specialità e Specializzazioni della Polizia di Stato genovesi, sono stati invitati dai vertici dell’Arma a trovare soluzioni alternative..
Ed ecco che per cercare di garantire ai dipendenti Polstato genovesi l’obbligatorio addestramento professionale, la nostra Amministrazione è costretta a sobbarcarsi costi evitabili specialmente adesso che mancando le risorse si raschia il fondo del barile!

Dal 28 di giugno la Polizia di Stato genovese è costretta a sobbarcarsi onerosi viaggi in pullman ad Alessandria per utilizzare il poligono della Scuola Allievi Agenti, imponendo tra l’altro ai lavoratori, orari di lavoro difformi all’Accordo Nazionale Quadro. Come mai il Questore non ci ha ancora chiarito le motivazioni delle continue chiusure del poligono della Caserma Ilardi di Sturla?
Indiscrezioni non confermate attribuiscono all’inidoneità dei “paracolpi” dell’impianto di tiro la causa della chiusura, ma il SILP CGIL non avendo avuto la possibilità di accedere agli atti relativi allo stanziamento di 50 mila euro non ha alcun elemento di riscontro per verificare se a suo tempo quel dispositivo è stato oggetto di manutenzione.

Il Governo vuol tagliare indiscriminatamente sulla sicurezza, seguendo il solco lasciato da Berlusconi e a Genova ci si permette il lusso di buttar via risorse economiche e distogliere personale da attività operative, senza render conto ad un organizzazione sindacale che da tempo chiede trasparenza..
Per questo continueremo le nostre vertenze sul territorio rivolgendoci agli organi istituzionali competenti.