Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Arenzano, ospedale la Colletta: salvo il Centro Nemo che cura i pazienti affetti da Sla

Regione. Discussa questa mattina in Consiglio regionale l’interrogazione di Matteo Rosso relativa al mantenimento del centro riabilitazione neuromuscolare dell’ospedale Gallino di Genova Arenzano per i pazienti affetti da Sla. Rosso che durante il suo intervento ha rimarcato la fondamentale necessità del mantenimento di questo Centro sia per la Regione visto che ha investito nel reparto centinaia di migliaia di euro solo pochi anni fa, sia per i professionisti impegnati nel dare dignità al centro e soprattutto per i pazienti e le loro famiglie fa sapere:

“Montaldo ha garantito che il centro non chiuderà, anche se si è dovuto ripiegare su un accordo rispetto al quale non si conoscono i termini e le condizioni economiche ne tanto meno se la Asl ripianerà i 350 mila euro di passivo che stanno creando non pochi problemi all’attività del centro Nemo”. L’esponente del Pdl prosegue: “Ho chiesto che mi venga fornita una nota da parte dell’assessorato precisa e puntuale su questo accordo per capire in quali condizioni il centro dovrà operare”.

“Per essere sicuro voglio verificare, voglio toccare con mano la situazione per questo insieme ai Consiglieri comunali di Arenzano, Giacomo Robello e paolo Cenedesi, della Lista Civica Arenzano e Libertà, abbiamo scritto al Direttore Generale dell’Asl 3 Bedogni per comunicargli che a breve vorremmo effettuare un sopralluogo presso la struttura della Colletta. In quell’occasione faremo anche un giro presso il centro Nemo per capire ancora meglio la situazione”.

“La nostra paura è che queste operazioni di ridimensionamento possano essere il preavviso di una possibile e futura chiusura della struttura ospedaliera. Per ora dalle dichiarazioni di Montaldo questa sciagurata ipotesi sembra scongiurata ma visto il momento non vorremmo che venissero prese decisioni penalizzanti per il territorio ed i cittadini. Continueremo a monitorare il prossimo appuntamento appunto la visita presso l’ospedale”, conclude Matteo Rosso.