Quantcast

Andata e ritorno dall’inferno: la Sampdoria torna a casa, è serie A

Varese. Alzi la mano chi avrebbe mai pronosticato una notte così. Varese, la Sampdoria in trasferta per la sua ultima partita stagionale che potrebbe significare il ritorno in serie A. Da Costa in porta, Rispoli, Gastaldello, Rossini e Costa la linea difensiva dei 4, Munari, Obiang e Renan a centrocampo, dietro le punte Pozzi ed Eder l’idea di Iachini: Soriano.

La prima palla è per il Varese, che comincia a buon ritmo. Granoche, molto mobile, crea diversi grattacapi alla retroguardia blucerchiati. Inizio nervoso, prima con Soriano che si becca con Cacciatore, poi con Obiang che si becca invece l’ammonizione. Il Varese preme, la Sampdoria non rinuncia a contrattaccare. Al 13’ Eder per Pozzi, ma la palla esce a lato. Al 15’ lancio lungo di Gastaldello ma Eder che però non ci arriva. Al 17’ è Rossini a provare il tiro.

Calcio d’angolo, Pucino cerca la deviazione, Varese vicino al gol
Al 24’ botta e risposta: prima il solito Pozzi, poi è Da Costa ad opporsi a Granoche. Alla mezzora Pozzi si becca un’ammonizione per proteste. Aumenta la pioggia che già batteva fitta e Iachini decide di far scaldare Pellè. Passa un minuto ed è la Sa,dporia ancora a sfiorare il vantaggio con Soriano. Passa qualche minuto ed è Renan a impegnare severamente Bressan. Il primo tempo si conclude con tre minuti di recupero, è il Varese che ha accelerato le manovre.

Si riparte ed è subito protesta Samp: Pozzi fermato da Rivas, il rigore poteva starci .Ottima la partenza blucerchiata in questo secondo tempo. Dal 11’ al 12’ i blucerchiati collezione due occasioni, prima con Eder poi con Rispoli. Il brasiliano si fa male ed entra Pellè. La Sampdoria si chiude bene e riparte.

Il Varese preme, il tempo passa. 26’ Plasmati al posto di Granoche. Minuti convulsi in area blucerchiata, il tempo passa, ma la Sampdoria trema. Al 75’ Iachini alza ancora di più le barricate: dentro Laczko fuori Munari.

Il Varese preme, ci provano nell’orodine Plasmati e Rivas. La Sampdoria non rinuncia a ripartire. Allo scadere l’arbitro assegna 6 minuti di recupero, ma proprio al 45’ da lancio di Rena Nicola Pozzi trova il gol che significa serie A.
Tensione, nervosismo, felicità indescrivibile, Beppe Iachini è riuscito nell’impresa: ha preso una squadra che affondava a metà classifica e l’ha riportata dove le spetta.

Serie A. Inferno andata e ritorno. Viaggio finito: la Sampdoria ritorna a casa.