Cronaca

Amt, incontro sindacati-azienda: “Gli accordi vanno rispettati o non trattiamo altro”

Genova. Fumata grigia, con previsioni più sul fosco che sul roseo. La riunione tra sindacati e Amt si è conclusa con un sostanziale nulla di fatto. La trattativa è per il momento congelata, nell’attesa che il neo presidente Livio Ravera approfondisca il “fascicolo Amt”.

L’incontro odierno è servito anche e soprattutto a fare le presentazioni generali: da una parte Ravera che si è detto fiducioso di poter consegnare alla città un trasporto pubblico efficace, dall’altra i sindacati che hanno snocciolato la cronostoria di un’azienda a un passo dal baratro e per cui non si riesce a vedere la luce alla fine del tunnel.

La posta sindacale è duplice: un nuovo piano industriale “che parli anche di sviluppo e di futuro, e non si limiti solo a recuperare soldi”, e soprattutto il rispetto dell’accordo del 7 giugno 2011. “Così come lo abbiamo firmato – spiega Antonio Cannavacciuolo, Uiltrasporti – così deve essere rispettato da entrambe le parti. Altrimenti la prossima volta mettiamo una videocamera. Non si può continuare a giocare su queste cose”. In pratica se non sarà rispettato l’accordo “non ci saranno le condizioni per sedersi e trattare altro”. L’intesa, firmata lo scorso anno nell’epoca di Marta Vincenzi, prevedeva tra i vari punti, il prolungamento fino a fine anno 2012 della cassa in deroga per 41 lavoratori. Una potenziale miccia esplosiva per l’azienda: senza il rispetto dell’accordo e lo slittamento di altri 6 mesi della cassa, i 41 dovrebbero rientrare in Amt con un’evidente peso sul capitolo personale.

Saranno le prossime riunioni a definire gli assetti futuri nel merito della trattativa. Nel frattempo restano confermati i due scioperi indetti dalle organizzazioni sindacali per il 6 e il 24 luglio. “Invitiamo tutti a riflettere bene – conclude Cannavacciuolo – per cercare di uscire da questa situazione in maniera indolore, senza penalizzare né una parte, né tantomeno l’altra. Noi non saremo disposti a pagare di nuovo”.