Velocizzazione dei treni regionali liguri, ripristino del surrogato del 2199, pendolari: “Si poteva fare di più”

Liguria. La regione Liguria e Trenitalia, a partire da lunedì 11 giugno e sperimentalmente per sei mesi, fino al 7 dicembre 2012, hanno deciso di accogliere, almeno in parte, le pressanti richieste espresse da GenovaMilanoNewsletter e da numerosi cittadini genovesi che si erano visti sottrarre un collegamento serale utilissimo soprattutto per 2 tipologie di viaggiatori: lavoratori turnisti che finiscono di lavorare a Milano alle 21.00; viaggiatori liguri provenienti con voli serali che hanno fatto scalo negli aeroporti di Linate, Malpensa, Orio al Serio e che intendono tornare a Genova senza pernottare a Milano.

ll vecchio 2199 Milano-Genova registrava un carico maggiore nei giorni festivi. Ora il surrogato del 2199 circolerà solo nei feriali. “La positivissima introduzione del RV Genova Brignole-Voghera delle 22.07 con coincidenza Trenord a Voghera per Milano alle 23.34 e arrivo in Centrale alle 0.40 sarebbe anch’essa utilissima soprattutto nei festivi, ma anche in questo caso sarà limitata ai feriali. Il vecchio 2199 Milano-Genova attivava a Brignole alle 0.38 assicurando trasbordi su regionali diretti a Levante. Arrivando alle 0.52 queste coincidenze verranno a mancare, così come le coincidenze con le ultime partenze Amt dei bus serali. Due treni spezzati rischiano di non essere adeguatamente comunicati al 99% dei viaggiatori (ovvero quelli non pendolari quotidiani e non troppo addentro alle informazioni ferroviarie). Ovvero, chi mai si accorgerà della possibilità di poter tornare a Genova dopo le 21.10 da Milano?. Non vorremmo che tutte motivazioni sopraelencate portino ad uno scarsissimo utilizzo del treno che sarà immesso da giugno e, conseguentemente, al fallimento della sperimentazione”, spiegano i pendolari in una nota.

“Ci chiediamo: Regione Liguria e Regione Lombardia (ovvero chi finanzia le 2 coppie di treni) insieme a Trenitalia DPR Liguria e Trenord (ovvero le 2 imprese ferroviarie coinvolte) non possono iniziare fin da subito un dialogo che porti alla riunificazione in 2 unici treni (uno Genova Brignole – MIlano, l’altro MIlano – Genova Brignole) molto più utili al viaggiatore, probabilmente anche gestionalmente più economici e soprattutto più “comunicabili”?”, concludono.

Più informazioni