Omicidio di Marassi: restano in carcere i due sospettati fermati a Mestre - Genova 24
Cronaca

Omicidio di Marassi: restano in carcere i due sospettati fermati a Mestre

omicidio marassi 80enne

Genova. Il giudice per le indagini preliminari ha disposto la misura cautelare in carcere per i due fratelli romeni fermati a Mestre domenica sera e poi interrogati dai carabinieri nella caserma di San Giuliano.

Per il primo ha ipotizzato per il momento i reati di rapina e di morte come conseguenza di un altro reato, per il secondo sono stati ritenuti gravi gli indizi per il reato di ricettazione del cellulare della vittima.

Antonio Gragnani, 83 anni, era stato trovato morto il 29 aprile scorso nella sua abitazione di Marassi. L’anziano ingegnere era stato trovato legato al letto, nudo, e dalla sua abitazione erano stati portati via il cellulare, il portafoglio e la cassaforte era stata forzata. Gli investigatori hanno subito seguito la pista di un delitto maturato negli ambienti omosessuali. L’ingegnere – come ha appurato l’autopsia – è morto soffocato in seguito alle percosse ricevute.

Più informazioni