Cronaca

Omicidio a Marassi: 80enne massacrato a letto, si cerca un altro giovane romeno

Genova. Sulla morte dell’ingegnere di 80 anni, il cui corpo è stato trovato senza vita, dopo una violenza brutale, legato al letto del suo appartamento a Marassi e soffocato, a seguito di un gioco erotico, permane ancora il mistero. L’attenzione e i sospetti degli inquirenti si sono spostati ora su un altro giovane rumeno, amico del connazionale di 30 anni fermato ieri pomeriggio a Mestre con il telefono cellulare del pensionato.

L’uomo ha spiegato di averlo acquistato in Veneto da un connazionale che conosceva di vista. Il suo racconto ha convinto il pm Piercarlo Di Gennaro che lo ha interrogato per diverse ore e alla fine ha deciso di scarcerarlo senza accusarlo di alcun reato.

Non c’è traccia, invece, del presunto amico della vittima, sempre un giovane romeno, su cui si stanno appunto concentrando le attenzioni e i sospetti degli inquirenti. I carabinieri non escludono che possa aver già lasciato Genova se non addirittura l’Italia.

Più informazioni