Sport

La Sampdoria deferita si tuffa sul campionato. Contro la Juve Stabia senza Pozzi e con l’ansia “sintetico”

Bogliasco. Non pensare a quello che succede lontano dal campo. Facile a dirsi, un po’ più complicato mettere in pratica questo dettame. Ma la Sampdoria non ha alternative, deve sgombrare la testa da ansie e paure “giudiziarie”, l’unico obiettivo adesso devono essere i 3 punti contro la Juve Stabia.

Sarà la società a difendere gli interessi del club nelle sedi opportune. Il deferimento ha scosso i vertici di Corte Lambruschini che non si sono però limitati ad annunciare la propria amarezza con un comunicato stampa. Edoardo Garrone si è intrattenuto a lungo al telefono con Abodi, il presidente della Lega di B: il numero uno della cadetteria ha garantito che le date dei play-off non subiranno variazioni e che la regolarità dell’intero torneo non sarà minata da quanto accaduto ieri.

Nel frattempo Bertani, il giocatore accusato di essere tra le menti delle varie combine sin qui accertate o presunte, ha lasciato Genova. Si è ritirato nella sua Legnano per studiare la miglior tesi difensiva possibile. L’attaccante ha messo nei guai Novara e Sampdoria (si parla di responsabilità oggettiva) e dovrà chiarire quanto prima la propria posizione. Certo le confessioni dei “pentiti” non lo aiutano.

In attesa che arrivino notizie anche dal fronte barese (Guberti e gli annessi sospetti sulla presunta combine della gara tra Bari e Doria della scorsa stagione) la Samp al momento rischia solo una multa.

Notizie che comunque minano la tranquillità di casa blucerchiata. Sabato c’è da affrontare la delicata sfida con la Juve Stabia a Castellamare. Avversario ostico e le insidie arrivano anche dal terreno di gioco. Erba sintetica, un verde a cui i giocatori di Iachini sono ben poco abituati. Un fattore che preoccupa il tecnico, un fattore che lo ha costretto a far svolgere parte dell’allenamento di ieri sul sintetico del Comunale di Bogliasco.

E le notizie fastidiose non finiscono qui. Pozzi sarà costretto a sventolare bandiera bianca, al Menti sarà Pellè a far coppia con il funambolico Eder. Un peccato dover rinunciare all’attaccante capace di andare a bersaglio per ben 3 volte nell’ultimo turno di campionato contro la Reggina. Recuperato Juan Antonio restano da monitorare le condizioni di Munari e capitan Gastaldello.

Nel frattempo il sito ufficiale dell’AIA ha comunicato che a dirigere il match sarà Giancola di Vasto. Con lui i guardialinee Chiocchi e Conca; quarto uomo il signor Di Bello di Brindisi.

Più informazioni