Il Genoa soffrirà fino all’ultima partita: sconfitta contro l’Udinese con espulsione Kucka e Palacio

Genova. Una partita che fà già discutere e che purtroppo lascia il Genoa e i suoi tifosi con il fiato sospeso fino all’ultimo incontro di settimana prossima con il Palermo. Un risultato impietoso questo 2 a 0 contro l’Udinese, che vede il Genoa giocare in 9 già sotto di un gol (battuto da Di Natale al 30′), a causa dell’espulsione per doppio ammonimento di Kucka e successivamente di Palacio.

De Canio porta in campo il 4-5-1 con Frey, Mesto, Sampirisi, Carvalho, Moretti, Rossi, Biondini, Belluschi, Kucka, Jankovic e Palacio. Dopo la prima espulsione di Kucka le disgrazie per i rossoblù non sono finite qui nel primo tempo: al 37’ la squadra è addirittura in 9, perché l’arbitro Tagliavento interpreta un insulto di Palacio, rivolto alla squadra (persino Guidolin afferma che il giocatore stava protestando con i suoi compagni per gli errori in campo) alla sua persona e lo manda fuori dal campo.

Il campionato del giocatore è finito oggi, con questa brutta scena. Il secondo tempo vede un Genoa che cerca di recuperare anche se il numero dei giocatori in campo non fa ben sperare nel risultato. La squadra in minoranza numerica non riesce a spingere il gioco e gli avversari si trovano ampi spazi. Al 15′ della ripresa Pazienza prende il 2-0 ma Tagliavento lo annulla per fuorigioco, che, a quanto sembra, sarebbe smentito dalle immagini. Al 20′ del secondo tempo arriva il 2-0 con il gol dell’ex Floro Flores, che non esulta al gol.

Poco dopo si sentirà un doppio boato dei tifosi friulani grazie alla partita Bologna-Napoli che segna un risultato che li avvicina alla Champions. Il risultato non cambierà più, neanche dopo i due minuti di recupero dati alla partita.