Genoa-Palermo: le nostre pagelle

La partita da non sbagliare per archiviare una stagione storta. La risolvono il discusso Gilardino e il fiero Sculli.

Frey 7 – chiamato al prodigio al 24’ quando fa contro un Mehmeti a due passi chiude la porta rendendola piccola come un francobollo. Finisce la partita senza subire reti, non gli capitava da un po’. Inviolato.

Mesto 6 – dalle sue parti la partita non si complica mai , certosino copre le spalle a Rossi. Ligio.

Granqvist 6,5 – sbriga agevolmente la pratica Budan, partita ad alta concentrazione. Possente.

Kaladze 5,5 – chiude mestamente una carriera da incorniciare. Democratico.

Moretti 5,5 – si perde Pisano nell’unica clamorosa occasione dei siciliani nel primo tempo, poi inizia con un passaggio da brividi a Frey. Harakiri.

Rossi 6,5 – si butta su tutti gli spioventi che arrivano in area, in uno i questi offre a Gilardino il più facile dei gol. Elettrico. Dal 80’ Veloso – entra per governare una situazione più che agevole. Ordinatore.

Belluschi 5 – il primo tempo ha molti calci piazzati da far sfruttare, ma li spreca malamente, sempre impreciso; a centrocampo scompare anche se la partita si gioca a ritmi blandi. Inoffensivo.

Biondini 6,5 – nel secondo tempo si ritrova in versione Demetrio Albertini, lancioni precisissimi sui piedi dei compagni e dà il là a entrambi i gol. Suggeritore.

Jankovic 6,5 – il primo tempo le palle migliori partono dai suoi piedi, ma ha la sfortuna di non trovare qualcuno che le realizzi. Sale di tono la squadre e scende lui. Sfasato. Dal 70’ Sampirisi sv- per uno che ha esordito a San Siro in momenti ben più drammatici, entrare sul 2 a 0 in una partita così è una passeggiata di salute. Lucchetto.

Sculli 7 – fa molto lavoro oscuro, stando defilato sulla fascia, poi si impossessa della scena con il gol che chiude partita, stagione e discorso salvezza. Protagonista. Dal 78’ Carvalho sv – si piazza nella difesa a cinque, contro un attacco ormai inoffensivo. Orpello.

Gilardino 7 – il più facile dei gol lo sblocca, da lì in poi sbaglia goffamente una palla per un contropiede facile ma distribuisce palloni preziosi a tutti i compagni che lo aiutano. Cigno.