Politica

Elezioni Genova, smarrimento scheda, voto assistito e domiciliare, seggi: tutto quello che l’elettore deve sapere

Genova. Domani e lunedì si vota per l’elezione del nuovo sindaco di Genova. In caso di perdita della scheda elettorale i cittadini possono rivolgersi a tutti gli uffici anagrafici, oltre che presso l’ufficio elettorale di corso Torino. Quest’anno, però, per facilitare i cittadini e per non congestionare gli uffici centrali e territoriali nel pieno periodo elettorale, il Comune di Genova ha introdotto la possibilità di prenotare on line la propria tessera elettorale, collegandosi con il sito del Comune – portale servizi on line – senza alcuna preregistrazione, con possibilità di scegliere nel menù l’ufficio dove si andrà a ritirarla.

La richiesta di prenotazione on line è possibile, oltreché  per esaurimento della tessera, anche per smarrimento o per furto. Nel primo caso, contemporaneamente al ritiro occorre consegnare la vecchia tessera; nel secondo caso, si sottoscrive una autodichiarazione di smarrimento; nel terzo caso si consegna copia della denuncia di furto.

Poi ci sono le modalità di voto assistito e domiciliare. Nel primo caso, l’elettore che ha diritto a questa agevolazione presenta un impedimento fisico (non vedente, amputato alle mani, affetto da paralisi o da altro impedimento di analoga gravità) tale da rendere impossibile l’esercizio autonomo del voto, senza l’assistenza in cabina di un accompagnatore.

Requisiti dell’accompagnatore: deve essere stato liberamente scelto dall’interessato; non può esercitare tale funzione per altri in quelle Elezioni; deve essere elettore in qualsiasi Comune italiano. L’istanza per l’annotazione permanente sulla tessera elettorale della sigla AVD (diritto voto assistito) va presentata all’Ufficio Elettorale in qualsiasi periodo dell’anno.
Da presentare: domanda; certificazione medica rilasciata dalla Azienda Sanitaria Locale competente; documento d’identità dell’interessato; tessera elettorale dell’interessato per l’apposizione dell’annotazione.

La certificazione medica comprovante l’impedimento non è necessaria quando l’impedimento risulti evidente e per i non vedenti possessori del libretto nominativo di pensione INPS o del Ministero dell’Interno (categoria ciechi civili cod. 06, 07, 10, 11, 15, 18, 19).

La richiesta può essere presentata: dall’interessato con il supporto dell’impiegato; tramite rappresentante dell’Istituto presso il quale l’elettore è ricoverato o altra persona incaricata.

Voto domiciliare. Gli elettori che si trovano in condizioni di dipendenza continuativa e vitale da apparecchiature elettromedicali o sono intrasportabili in quanto affetti da gravissime infermità possono richiedere di votare presso il domicilio.

L’istanza per il voto domiciliare va presentata all’Ufficio Elettorale non oltre il quindicesimo giorno antecedente la data delle Elezioni ed è valida esclusivamente per quella Consultazione Elettorale.

Da presentare: domanda con indicazione completa di domicilio attuale e numero telefonico; certificazione medica rilasciata dalla Azienda Sanitaria Locale competente; fotocopia di documento d’identità dell’interessato; fotocopia della tessera elettorale dell’interessato.

La richiesta può essere presentata: tramite rappresentante dell’Istituto presso il quale l’elettore è ricoverato o altra persona incaricata.

Per quanto riguarda i seggi, trovare il proprio è semplicissimo. Basta andare sul sito del Comune di Genova e accedere nell’apposita sezione dedicate alle amministrative, accedere a “Trova il tuo seggio”.